demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI ATLANTE POLITICO
Atlante Politico n. 112 - febbraio 2024
(10 febbraio 2024)
vedi »
Atlante Politico n. 111 - novembre 2023
(13 novembre 2023)
vedi »
Atlante Politico n. 110 - Settembre 2023
(22 settembre 2023)
vedi »
ULTIME EDIZIONI SOCIETÀ E POLITICA IN ITALIA
La rivolta dei "gilet gialli" in Francia
(14 gennaio 2019)
vedi »
Un referendum su Renzi? Il voto 2016 sulla Riforma costituzionale
(7 settembre 2017)
vedi »
La riforma della Costituzione
(31 marzo 2014)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Gli italiani e l'autonomia differenziata delle regioni
(19 febbraio 2024)
vedi »
Gli italiani e le istituzioni locali
(29 gennaio 2024)
vedi »
Gli aiuti militari all'Ucraina in guerra
(22 gennaio 2024)
vedi »
EDIZIONE XVI

Rilevazione periodica, realizzata per il quotidiano La Repubblica, sul clima politico italiano e sugli orientamenti elettorali.
NELL'EX ULIVO E NELL'UDC, GLI INCERTI CHE DECIDERANNO LA PARTITA
[di Ilvo Diamanti]

PDL AVANTI, MA TANTI VOTI ANCORA IN BILICO
[di Roberto Biorcio e Fabio Bordignon]

Si è riequilibrato, nel corso delle ultime settimane, il rapporto tra i due maggiori partiti e le altre formazioni in corsa per il voto del 13 e 14 aprile. Pd e PdL mostrano una lieve flessione, mentre crescono sia gli alleati sia i partiti esterni ai due principali blocchi. Si allarga leggermente lo scarto in favore della coalizione berlusconiana, che oggi supera i sei punti e mezzo, ma gli incerti comprendono ancora oltre un terzo dell'elettorato. È quanto emerge dall'ultimo sondaggio dell'Atlante Politico, realizzato da Demos per La Repubblica.
Il distacco fra la coalizione guidata da Berlusconi e quella guidata da Veltroni è lievemente cresciuto rispetto alla rilevazione del 18-20 febbraio. Per ora, tuttavia, la variazione assume dimensioni statisticamente trascurabili. Lo scarto, intorno ai sei punti e mezzo, varia però sensibilmente nelle diverse aree territoriali. Si ripropone, di fatto, lo schema di competizione già visto alle precedenti tornate. Il vantaggio della coalizione che fa capo al Pdl resta molto forte nelle regioni del Nord, mentre nelle tradizionali aree rosse i rapporti di forza si rovesciano a favore del Pd. Più competitiva appare la situazione nel Mezzogiorno (soprattutto in alcune regioni), per quanto la coalizione guidata da Berlusconi goda ancora di un significativo vantaggio.
Se nelle ultime due settimane non si sono registrati movimenti rilevanti negli orientamenti di voto, si possono però cogliere alcuni effetti della campagna elettorale. La tendenza alla concentrazione dei consensi sui due partiti maggiori resta forte, ma deve fare i conti con le polemiche e le critiche concentriche degli altri soggetti politici, che denunciano sistematicamente il duopolio e cercano di orientare il malcontento e la disaffezione diffusa contro le possibili alleanze fra Berlusconi e Veltroni. Pd (34%) e Pdl (39%) arretrano, ciascuno, di circa un punto. L'Unione di Centro non riesce, per ora, a coagulare i consensi destinati, in precedenza, a Udc e Rosa Bianca (e rimane al 6%). Mentre, "sulle ali", guadagnano consensi la Sinistra Arcobaleno (6.2%) e La Destra (1.9%). A crescere sono però soprattutto i partner delle due formazioni maggiori: Italia dei Valori, oggi al 4.5%; e, in modo speculare, la Lega Nord, al 5.5%.
Ad un mese dal voto, continua a riscontrarsi una vasta area di incertezza nelle scelte di voto, manifestata anche da intervistati che esprimono comunque un orientamento preferenziale per un partito, o almeno per una coalizione. Segnalano esitazioni e difficoltà nella scelta soprattutto alcuni settori sociali: i lavoratori autonomi, i disoccupati, le donne (e in particolare le casalinghe), i cattolici praticanti, i residenti nelle regioni meridionali e, in generale, gli intervistati meno istruiti. Si registra, poi, una incertezza più elevata tra gli elettori che si collocano politicamente al centro o che non sanno (o non vogliono) definire un proprio orientamento sulla dimensione destra/sinistra.
Nel frattempo, Veltroni conferma il proprio appeal personale: seppure in lieve arretramento, il leader del Pd conserva la maggioranza assoluta dei consensi (51%), restando in vetta tra i politici più apprezzati. Fini, in calo al 48%, e Berlusconi, al 41%, si collocano rispettivamente al secondo e al terzo posto. Al leader centrista, Casini, va invece il 40% degli apprezzamenti. Nel testa a testa fra i due principali contendenti per la poltrona di Palazzo Chigi, infine, Veltroni supera di misura Berlusconi: 36% a 32% l'esito del test "presidenziale" proposto dal sondaggio (mentre il 23% delle persone interpellate boccia entrambi i candidati).
NOTA METODOLOGICA

L'Atlante Politico è una indagine realizzata da Demos & Pi per La Repubblica ed è curato da Ilvo Diamanti, insieme a Fabio Bordignon, Roberto Biorcio, Natascia Porcellato e Rosalba Rattalino. Il sondaggio è stato condotto, nei giorni 5-10 marzo 2008, dalla società Demetra di Venezia, con il metodo CATI. Il campione, di 1349 persone, è rappresentativo per i caratteri socio-demografici e la distribuzione territoriale della popolazione italiana di età superiore ai 18 anni.
Le stime sulle intenzioni di voto (curate da Roberto Biorcio) sono state realizzate tenendo sotto controllo la distribuzione territoriale, i caratteri socio-demografici e i precedenti comportamenti elettorali dei rispondenti.
La documentazione completa su www.sondaggipoliticoelettorali.it.
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240