demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Opinioni del Nord Est su Covid e lockdown
(1 dicembre 2021)
vedi »
Venezia a numero chiuso?
(24 novembre 2021)
vedi »
Il giudizio dei Veneti sul Mose
(17 novembre 2021)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL NORD EST E L'EUTANASIA

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
EUTANASIA PER I MALATI INCURABILI. A NORDEST IL 62% È D'ACCORDO
[di Natascia Porcellato]

«Se una persona ha davvero perso ogni speranza, e per lei la vita è diventata una pura e semplice sofferenza, abbiamo il dovere di credergli»: questo il pensiero di Massimo Cacciari, filosofo ed ex-sindaco di Venezia, sull'eutanasia. L'Osservatorio sul Nord Est, curato da Demos per Il Gazzettino, si occupa oggi dell'orientamento della popolazione verso la "dolce morte". «Quando una persona ha una malattia incurabile, e vive con gravi sofferenze fisiche, è giusto che i medici possano aiutarla a morire se il paziente lo richiede»: il 62% dei nordestini si dichiara moltissimo o molto d'accordo con questa affermazione, e rispetto all'anno scorso rileviamo una sostanziale stabilità.

Un tempo il confine tra la vita e la morte era chiaro. I progressi della scienza e della medicina, uniti alle considerazioni su cosa sia, al di là del battito del cuore e dell'attività cerebrale, la vita, hanno imposto nuove riflessioni sulla questione. In Europa, le posizioni sono molto diverse: in alcuni Stati la pratica dell'eutanasia è permessa, in altri invece no; Olanda, Francia e Belgio sono alcune tra le nazioni che hanno introdotto una legislazione in merito. In Italia, il dibattito -molto acceso- è nato spesso intorno "casi" che hanno fatto della loro tragedia personale una battaglia civile: Piergiorgio Welby, Luca Coscioni, Eluana Englaro, solo per richiamare i più noti.

Come in Europa e Italia, anche nel Nord Est sembrano essere presenti delle divisioni sul tema. Oggi, poco più di sei nordestini su dieci mostrano il proprio accordo (moltissimo o molto) con l'idea che se una persona ha una malattia incurabile, vive con gravi sofferenze fisiche e chiede di morire, è legittimo che i medici possano aiutarla.

Nel corso del tempo, la quota di posizioni favorevoli alla scelta della "dolce morte" è andata allargandosi e consolidandosi. Nel 2002, infatti, era il 56% a mostrare il proprio accordo con questa pratica. Nel 2007, pochi mesi dopo aver assistito all'agonia e morte di Piergiorgio Welby, la spinta verso questa possibilità di scegliere era salita al 67%. Negli anni a seguire, e fino ad oggi, la quota di nordestini favorevoli all'eutanasia non è mai scesa sotto il 60%, segno di una stabilizzazione della posizione presso la popolazione.
Alcuni distinguo, tuttavia, possono essere fatti. Il consenso verso l'eutanasia appare più alto tra gli uomini (66%) che tra le donne (57%), mentre se guardiamo all'istruzione, osserviamo come il livello massimo di favore (68%) sia raggiunto tra coloro che sono in possesso di un diploma o una laurea.

I due fattori che più aiutano a comprendere gli orientamenti, però, appaiono quelli legati alla sfera religiosa e politica. Se consideriamo la frequenza alla messa, vediamo come tra i non praticanti l'apertura verso l'eutanasia si attesti intorno all'83%, e anche tra coloro che frequentano saltuariamente i riti il consenso è molto ampio, intorno al 72%. Quanti sono assiduamente presenti alla messa, invece, sembrano i più critici: solo una minoranza (40%) è favorevole alla "dolce morte".
Infine, consideriamo il fattore politico: in questo caso, le divisioni vanno oltre gli attuali schieramenti in campo. Tra i maggiori sostenitori dell'eutanasia, infatti, ritroviamo gli elettori di Sel (94%) e Lega Nord (76%), del Pd (70%) e dell'Idv (67%). Meno diffuso, ma comunque maggioritario, appare il sostegno alla "dolce morte" tra i simpatizzanti di Mov. 5 Stelle (55%) e Fli (53%). Gli elettorati in cui l'eutanasia appare una scelta minoritaria, invece, sono quelli del Pdl (48%) e, ancor più, dell'Udc (35%).
NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 5-7 settembre 2011 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1006 persone (rifiuti/sostituzioni: 2410), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,08%). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia.
Ludovico Gardani e Natascia Porcellato hanno curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Mauro Vullo ha svolto la supervisione dell'indagine CATI. Lorenzo Bernardi ha fornito consulenza sugli aspetti metodologici. L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.
Documento completo su www.agcom.it.
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240