demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
A Nord Est ancora bassa la percezione di presenza della mafia
(13 dicembre 2017)
vedi »
Il Veneto e la richiesta di autonomia
(5 dicembre 2017)
vedi »
Nord Est: i femminicidi e l'enfasi dei mass media
(29 novembre 2017)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - I GIOVANI DEL NORD EST PREFERISCONO IL PUBBLICO IMPIEGO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
IL (RI)MODELLO NORD EST: MEGLIO IL POSTO PUBBLICO
[di Natascia Porcellato]

L'Osservatorio sul Nord Est, curato da Demos per Il Gazzettino, indaga oggi intorno al lavoro preferito. Il lavoro autonomo, sia esso in proprio (20%) o da libero professionista (17%), viene indicato complessivamente dal 37% degli intervistati. La maggioranza dei nordestini, dunque, guarda al lavoro dipendente: il 22% vorrebbe lavorare per una grande impresa privata, il 15% guarda agli artigiani e alle piccole aziende, mentre il posto pubblico resta la scelta privilegiata per il 26% dei rispondenti.

Il 28 maggio si sarebbe dovuto svolgere il referendum abrogativo sui voucher introdotti dal Jobs Act approvato tra il 2014 e il 2015 dal Governo Renzi. La consultazione non si terrà dato che Gentiloni ha abrogato questa modalità di impiego qualche settimana fa. Il tema del lavoro, però, resta centrale nell'agenda del Paese: far crescere l'occupazione è uno dei punti-chiave per far sì che la crescita sia reale per l'intera società. È interessante quindi riflettere oggi intorno al tema del lavoro: in un territorio come quello nordestino, fortemente caratterizzato dall'imprenditoria diffusa e dalla spiccata vocazione laburista, le aspettative e i desideri intorno al lavoro parlano anche della direzione in cui sta andando la società.

Osserviamo che, nel corso del tempo, sono radicalmente mutate le preferenze espresse dal Nord Est. Nel 2000, il 55% sognava il lavoro in proprio o da libero professionista, ma in questi 17 anni la quota si è progressivamente e inesorabilmente erosa fino ad arrivare agli attuali 37%. Contemporaneamente, sono aumentati sia quanti guardano ad un lavoro da dipendente privato (saliti dal 24% registrato nel 2000 all'attuale 37%) sia coloro che invece aspirano al posto pubblico (passati dal 21% del 2000 all'attuale 26%).

Nonostante la crisi che l'ha investito in questi anni, il lavoro in proprio tende ad essere ancora l'obiettivo dei più giovani (48%), degli studenti (53%) e dei disoccupati (54%): chi deve ancora costruirsi un futuro, o chi deve ripartire dopo un periodo di mancanza di lavoro, lo immagina da imprenditore o da libero professionista. Questa scelta viene (ri)confermata anche da chi l'ha già fatta e la sta, pur tra mille difficoltà, portando avanti: liberi professionisti (41%) e imprenditori (55%) confermano la preferenza per il lavoro in proprio.

L'idea di essere assunto da un'azienda privata, sia grande che piccola, piace soprattutto dalle persone di età centrale (35-44 anni, 47%), oltre che da operai (60%) e impiegati (42%). Guardando al genere, emerge come siano soprattutto gli uomini a preferire questa modalità di lavoro (41%).

Il lavoro pubblico appare invece una scelta che affascinante soprattutto per le persone adulte e anziane (30-33%). Dal punto di vista professionale, invece, sono in misura maggiore i tecnici (30%) e le casalinghe (35%) a indicare nel lavoro statale quello più desiderabile.

Infine, consideriamo congiuntamente il genere e la categoria socio-professionale. Tra studentesse (45%) e casalinghe (39%) emerge una certa propensione al lavoro autonomo, mentre le lavoratrici guardano con più favore alle imprese private (45%). Le disoccupate, forse sconsolate dalle aziende, pensano soprattutto al lavoro in proprio (46%) o al posto pubblico (41%). Guardando "all'altra metà del cielo", invece, emerge una spiccata preferenza per il lavoro in proprio di studenti (58%) e disoccupati (57%), mentre lavoratori (45%) e pensionati (47%) orientano il proprio favore sul lavoro in aziende private.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 3-6 aprile 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1120 persone (rifiuti/sostituzioni: 7815), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 2.93 %). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione dell'indagine CATI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240