demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Veneto con Zaia
(16 maggio 2017)
vedi »
I giovani del Nord Est preferiscono il pubblico impiego
(9 maggio 2017)
vedi »
Nord Est: i genitori difendono troppo i figli
(26 aprile 2017)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL VENETO CON ZAIA

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
UN PLEBISCITO DEL VENETO PER IL GOVERNATORE ZAIA
[di Natascia Porcellato]

È il Veneto di Zaia? Forse sì: secondo i dati elaborati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, oltre sette veneti su dieci (71%) esprimono un giudizio positivo sul Governatore e sulla sua Giunta. Molto più in difficoltà appaiono le opposizioni presenti a Palazzo Ferro-Fini. Il lavoro dei consiglieri che hanno sostenuto Tosi alle elezioni del 2015 viene valutato positivamente dal 30% degli intervistati. Un giudizio del tutto analogo (30%) viene assegnato anche ai consiglieri di centro-sinistra, mentre il gradimento per l'operato dei "cittadini-consiglieri" del Movimento 5 Stelle si ferma al 29%.

Le opposizioni, dunque, arrancano ora come arrancavano anche in passato. Il movimento di Tosi tra il 2015 e il 2016 era salito dal 30 al 34%, per ritornare oggi ad un valore assimilabile a quello rilevato subito dopo le Regionali. L'opposizione di centro-sinistra, invece, nel 2015 godeva di un gradimento pari al 32%, cresciuto al 36% l'anno successivo e sceso attualmente intorno al 30%. Il lavoro dei Consiglieri Regionali del M5s nel 2015 era apprezzato dal 36% dei veneti; un anno dopo, era balzato al 44%, ma ora è bruscamente calato al 29%.
Per Luca Zaia e la sua Giunta, invece, il mandato sta procedendo con un largo sostegno. Nel luglio del 2015, qualche mese dopo la sua rielezione con oltre il 60% dei voti, godeva della fiducia del 75% dei veneti; il valore ha trovato conferma anche l'anno successivo e attualmente si è assestato al 71%.

Quali giudizi esprimono i diversi elettorati? I sostenitori del Pd guardano con un favore superiore alla media al lavoro del centro-sinistra (50%), ma anche a quello dei tosiani (41%). I sostenitori di Forza Italia, invece, mostrano di gradire in misura consistente sia il lavoro di Fare (51%), sia quello del centro-sinistra (48%), sia quello dei consiglieri pentastellati (38%). L'elettorato del M5s, invece, tende a concentrare l'apprezzamento sul lavoro dei propri rappresentanti (74%).

Interessante, però, è la trasversalità del consenso alla Giunta Zaia. Se appare scontato che i leghisti gli attribuiscano un consenso plebiscitario (96%) e appare intuitivo che anche dagli elettori forzisti provenga un largo consenso (82%), meno ovvio è che il lavoro del Governatore raccolga il favore del 73% dei sostenitori del Pd, della maggioranza assoluta di quelli del M5s (54%), il 71% di coloro che guardano ai partiti minori e il 65% dei reticenti. In nessun caso, il sostegno a Zaia scende sotto la soglia della maggioranza assoluta.

Tra Pedemontana e Referendum sull'autonomia, però, le sfide poste al (e dal) Governatore non mancano. In particolare, la Pedemontana -opera infrastrutturale attesa da trent'anni- appare un terreno scivoloso. La scelta della Regione, che ha ora avocato a sé la realizzazione dell'infrastruttura e preventivato a suo finanziamento l'introduzione dell'addizionale Irpef, divide i veneti. Questa misura è approvata dal 44% degli intervistati, e non raggiunge la maggioranza neanche tra i sostenitori della Lega Nord, dove si ferma al 49%. Diverso il discorso per l'annunciato Referendum sull'autonomia del Veneto: in questo caso, il Governatore sa di camminare in discesa. Con il favore all'indipendenza che raggiunge oggi in Veneto il 57%, e il sostegno incondizionato degli elettori della Lega Nord (93%), l'affiancamento in forze di quelli forzisti (68%) e del M5s (63%), la maggioranza di coloro che guardano ai partiti minori (56%) o che sono politicamente incerti (55%), il 22 ottobre prossimo non dovrebbe essere particolarmente complicato per Luca Zaia ottenere il plebiscito che sta invocando da settimane.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 3-6 aprile 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1120 persone (rifiuti/sostituzioni: 7815), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 2.93 %). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione dell'indagine CATI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.
Documento completo su www.sondaggipoliticoelettorali.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240