demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Nord Est si sente comunque felice
(8 agosto 2017)
vedi »
Nord Est: la carriera dei giovani passa un po' meno per il lavoro all'estero
(1 agosto 2017)
vedi »
Il Nord Est e il dialetto
(25 luglio 2017)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST: LA CARRIERA DEI GIOVANI PASSA UN PO' MENO PER IL LAVORO ALL'ESTERO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
CARRIERA SOLO ALL'ESTERO? UN MITO CHE VA IN CRISI
[di Natascia Porcellato]

Secondo Italo Calvino, "di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda". In questo caso, la domanda per Londra o Parigi potrebbe essere: "per i giovani di oggi che vogliono fare carriera l'unica speranza è andare all'estero"? Sì, almeno guardando ai dati pubblicati oggi all'interno dell'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino. Il 54% dei nordestini intervistati da Demos, infatti, si dichiara moltissimo o molto d'accordo con questa opinione anche se il dato mostra un segno negativo (-10 punti percentuali) rispetto a quanto rilevato l'anno scorso.

Questa è la prima battuta d'arresto da quando è stato introdotto questo indicatore. Tra il 2008 e il 2009, agli albori della crisi, era il 40% a ritenere che valigia e passaporto fossero le chiavi essenziali per i giovani ambiziosi. Nel 2010 la quota era salita al 46%, ulteriormente cresciuta l'anno successivo (49%), per arrivare a superare la soglia della maggioranza assoluta (58%) nel 2012. Negli anni a seguire, la popolarità della posizione si è ulteriormente rafforzata: 59% nel 2013, 61% nel 2014, 63% nel 2015 e 64% nel 2016. La -consistente- diminuzione attuale è forse da ricondurre alla timida ripresa a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi. Va sottolineato, comunque, come l'idea che i più giovani per fare carriera debbano abbandonare il proprio Paese continua ad essere ancora oggi patrimonio della maggioranza degli intervistati (54%).

Ma imprenditori e lavoratori autonomi come la pensano? Tra di loro, il consenso verso l'idea che i giovani debbano emigrare per fare carriera si ferma al 41%: una percentuale molto al di sotto della media dell'area, dunque, ma piuttosto alta. Intuitivo, invece, è che l'accordo più ampio provenga da chi è disoccupato (76%). A sentire in maniera particolare questa posizione, inoltre, ritroviamo anche operai (60%) e impiegati (63%). Liberi professionisti (52%) e casalinghe (50%) si esprimono non distaccandosi troppo dalla media dell'area, mentre un sostegno inferiore viene accordato da studenti (49%) e pensionati (47%).

Consideriamo congiuntamente l'influenza del genere e della condizione socio-professionale. Possiamo osservare che l'accordo verso l'idea che i giovani debbano emigrare tende a crescere tra i disoccupati (76%), mentre per gli altri settori non osserviamo distacchi netti dalla media degli uomini (52%). Al contrario, tra le donne il sostegno appare più netto e trasversale: lavoratrici (67%), disoccupate (72%) e studentesse (60%) mostrano infatti un'ampia condivisione dell'opinione proposta.

Osserviamo, infine, la relazione tra genere ed età. L'idea che bisogna andare all'estero per fare carriera cresce in maniera considerevole tra le ragazze under-25 (62%), tra le donne tra i 35 e i 44 anni (75%) e tra quelle che hanno tra i 45 e i 54 anni (64%). Questi valori le separano in modo netto dai coetanei maschi, che non mostrano un convincimento tanto ampio.

Il problema, dunque, potrebbe non essere (solo) la crisi economica, ma (anche) un certo ritardo culturale. Quel ritardo che impedisce alle ragazze (spesso formate prima e meglio dei propri coetanei, come mostrano tutte le analisi sui risultati scolastici e universitari) e alle donne (spesso capaci come o più dei propri colleghi, come emerge dalle ricerche sull'argomento) di accedere ai contratti migliori o alle posizioni dirigenziali, fermate dai pregiudizi di genere e dalla mancanza di strutture di welfare che rendano possibile coniugare lavoro e famiglia. E le donne lo sanno: infatti, sostengono più degli uomini che l'unica chance per veder riconosciuti i propri meriti è andare all'estero.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 3-6 aprile 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1120 persone (rifiuti/sostituzioni: 7815), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 2.93 %). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione dell'indagine CATI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240