demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
A Nord Est cresce la fiducia in Mattarella
(24 aprile 2019)
vedi »
Nord Est: scende la fiducia in Papa Bergoglio
(17 aprile 2019)
vedi »
Il Nord Est predilige il vino rosso
(10 aprile 2019)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL NORD EST PREDILIGE IL VINO ROSSO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
VINO, IL NORD EST È ROSSO E IL BIANCO È PROSECCO
[di Natascia Porcellato]

Si chiude oggi a Verona l'edizione numero 53 del Vinitaly, il più importante Salone internazionale del vino e dei distillati che negli ultimi quattro giorni ha portato circa 120mila visitatori nella città scaligera. Tra i padiglioni della fiera c'è stato l'imbarazzo della scelta sia per provenienza che per tipologia di vitigno. Nell'eterna sfida tra bianco e rosso, i cittadini di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento che vino preferiscono? Secondo i dati raccolti da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, tra coloro che apprezzano il vino, il rosso (57%) prevale in maniera netta -ma non schiacciante- sul bianco (43 %).

Se guardiamo alle categorie sociali, possiamo vedere come i due orientamenti si mostrino piuttosto trasversali, soprattutto per il fattore di genere e quello relativo al livello di istruzione. Se però ci concentriamo sull'età, vediamo che tra i giovani con meno di 24 anni è il bianco (51%) ad essere più amato, mentre tra le altre classi la situazione appare rovesciata. Il favore verso il rosso, infatti, prevale in tutti gli altri settori: raggiunge il 54-55% tra le persone tra i 25 e il 44 anni, sale al 57% tra quanti hanno tra i 45 e i 54 anni, anche se la preferenza più netta verso il calice rubino si raggiunge tra gli adulti (55-64 anni, 64%) e tra gli anziani over-65 (60%).

Quali sono i vini più amati dai nordestini? In generale, possiamo osservare come siano le produzioni locali in testa alle preferenze. Tra i rossi, il primo posto del podio è occupato dal Cabernet (30%), seguito dal Merlot (21%) e, a distanza, dal Valpolicella (7%). Tra i bianchi, invece, uno su due sceglie il Prosecco o il Cartizze (50%), che lascia molto indietro Chardonnay e il Friulano, secondi ex aequo con il 6%.

Vicino alle tradizionali modalità di consumo, negli ultimi anni si sono affermati dei nuovi momenti sociali legati al vino, come le degustazioni o le cene a tema con abbinamenti studiati ad hoc: un nordestino su cinque, nell'ultimo anno, ha partecipato almeno una volta a iniziative di questo tipo. Sono soprattutto più gli uomini (25%) che le donne (16%) ad amare degustazioni o cene a tema con vini abbinati. Guardando al livello di istruzione, vediamo come siano in misura maggiore le persone in possesso di un diploma o una laurea ad aver scelto di prendervi parte (27%), mentre tra chi ha conseguito la licenza media (16%) o un titolo inferiore (12%) l'adesione appare meno frequente. Dal punto di vista dell'età, infine, vediamo che questo nuovo rito sociale appartiene soprattutto alle generazioni più giovani: la linea di separazione sembra collocarsi intorno ai 44 anni. Dichiara di aver partecipato a degustazioni o cene a tema con vini abbinati il 37% dei giovani con meno di 25 anni, il 33% di chi ha tra i 25 e i 34 anni e il 27% delle persone di età centrale (35-44 anni). La partecipazione scende decisamente tra gli adulti tra i 45 e i 64 anni (15-17%), anche se il valore più basso (11%) viene raggiunto tra gli anziani con oltre 65 anni.




NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 18-21 marzo 2019 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1000 persone (rifiuti/sostituzioni: 6704), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.10% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240