demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Nord Est giudica la manovra economica
(4 dicembre 2019)
vedi »
Maltempo novembrino in Veneto - sondaggio
(27 novembre 2019)
vedi »
Nord Est: cresce la fiducia nei vaccini
(20 novembre 2019)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST: CRESCE LA FIDUCIA NEI VACCINI

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
VACCINI, AUMENTANO I "SÌ" INDISPENSABILI PER 3 SU 4
[di Natascia Porcellato]


Veneto, Friuli-Venezia Giulia e provincia di Trento sempre più dalla parte dei vaccini: questa sembra essere l'indicazione che emerge dalle analisi di Demos per Il Gazzettino. Secondo i dati pubblicati oggi all'interno dell'Osservatorio sul Nord Est, il 75% degli intervistati ritiene che sia "indispensabile vaccinare i bambini con tutti quelli disponibili perché proteggono da malattie pericolose", mentre chi pensa che vaccinare sia giusto, "ma i genitori devono essere liberi di decidere quali fare e quando farli" si ferma al 23%. Solo l'1% pensa che vaccinare presenti troppi rischi e sia "meglio non farlo", e una quota analoga non si esprime sul quesito.

L'introduzione dell'obbligo vaccinale, avvenuta con il Decreto Lorenzin del 2017 aveva suscitato numerose polemiche. Anche in questo caso, la politica si era divisa tra chi era contrario al varo della norma e chi invece sosteneva la bontà dell'impianto severo introdotto.

A pochi mesi dall'efficacia del decreto, però, nel Nord Est sembrava già piuttosto chiaro l'orientamento dell'opinione pubblica. Nel settembre del 2017, il 58% degli intervistati sosteneva l'indispensabilità di vaccinare i bambini, ma già l'anno successivo la quota era salita al 70%, per poi aumentare ancora, nel corso dell'ultima rilevazione, raggiungendo il 75%. Specularmente, coloro che assegnavano ai genitori l'opportunità di decidere se, quando e con quali vaccini procedere erano il 38% due anni fa, percentuale diminuita al 27% nel 2018 e ulteriormente scesa al 23% nel 2019.

Quali settori sono più pro-vax e quali meno? Innanzitutto, precisiamo che l'idea che i vaccini siano fondamentali appartiene alla maggioranza di tutti i settori sociali. Tuttavia, alcune indicazioni interessanti possono essere evidenziate. Dal punto di vista anagrafico, sono in misura maggiore i giovani tra i 18 e i 24 anni (86%) e gli anziani con oltre 65 anni (80%) a sostenere in maniera molto ampia la necessità di vaccinare. L'idea che vaccinare sia giusto, ma che i genitori devono essere lasciati liberi di decidere quali fare e quando farli, invece, trova i consensi maggiori tra coloro che sono di età centrale (35-44 anni, 29%) e gli adulti tra i 45 e i 54 anni (26%).

Dal punto di vista politico, infine, osserviamo degli orientamenti peculiari. Tra gli elettori del Partito Democratico e di Forza Italia l'idea che i vaccini siano doverosi appare quasi unanime, raggiungendo rispettivamente il 90 e il 95%, relegando coloro che assegnano la decisione alle famiglie all'8 e al 5%. Sopra alla media dell'area, inoltre, troviamo anche i sostenitori del partito di Giorgia Meloni (78%), tra i quali la quota che vorrebbe lasciare decidere ai genitori si ferma il 21%. Valori non dissimili da questi sono quelli registrati tra gli elettori della Lega, dove i due orientamenti raggiungono rispettivamente il 72 e 27%. I sostenitori del Movimento 5 Stelle sono quelli che appaiono più divisi: tra di loro, il 52% pensa che vaccinare sia indispensabile, ma il 43% vorrebbe lasciare ai genitori la decisione.




NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 9 e il 14 settembre 2019 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1006 persone (rifiuti/sostituzioni: 6579), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240