demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il rapporto fra Stato e Regioni secondo il Nord Est
(27 maggio 2020)
vedi »
Il Veneto incorona il governatore Zaia
(20 maggio 2020)
vedi »
Economia prima preoccupazione a Nord Est
(13 maggio 2020)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST: OK ALLE COPPIE DI FATTO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
A NORD EST IL SENSO DEL MATRIMONIO STA SCOMPARENDO
[di Natascia Porcellato]

"Le coppie di fatto, formate cioè da persone che vivono al di fuori del matrimonio, dovrebbero avere gli stessi diritti legali delle persone sposate": sono d'accordo con questa affermazione quasi 7 nordestini su 10. Secondo i dati analizzati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, l'idea che chi sceglie di convivere al di fuori del vincolo matrimoniale debba avere gli stessi diritti legali di chi lo contrae è ormai molto ampia.

Il dibattito sui diritti delle coppie di fatto in Italia è stato particolarmente lungo e complicato: partito nel 1986 con la prima proposta di legge avanzata dalle donne del PCI, la discussione ha trovato un approdo solo 30 anni dopo, con l'approvazione, non senza polemiche, anche piuttosto violente, della cosiddetta Legge Cirinnà.

Il sostegno dell'opinione pubblica ai contenuti della Legge 76 del 2016, però, sembra essere molto esteso anche prima che fosse realtà. Guardando alla serie storica, osserviamo che già nel 2004 era il 54% dei nordestini a condividere l'idea che le coppie conviventi dovessero avere pari diritti a quelle spostate. Negli anni successivi, poi, il valore cresce e si consolida. Nel 2012 raggiunge il 66%, per confermarsi poco distante (64%) nel 2013 e raggiunge il 68% l'anno successivo. Nel 2016 -pochi mesi prima dell'approvazione del provvedimento, nel mezzo di un dibattito politico molto duro- la quota di sostenitori dei diritti delle coppie di fatto si stabilizza intorno al 65%. Il massimo tasso di adesione, però, lo registriamo in quest'ultima rilevazione, quando raggiunge il 69%.

Quali sono i settori più favorevoli ai diritti delle coppie di fatto e quali invece i meno propensi? Dal punto di vista anagrafico, osserviamo che i più giovani (18-25 anni) non si discostano dalla media dell'area (68%), mentre è tra coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni che il consenso sale in maniera decisa (82%), così come tra le persone di età centrale (35-44 anni, 75%) e quanti hanno tra i 45 e i 54 anni (73%). Gli adulti tra i 55 e i 64 anni, invece, mostrano un'adesione pari al 61% e un valore poco distante (63%) viene osservato tra gli anziani con oltre 65 anni. Guardando al genere, non sembrano emergere differenze sostanziali tra donne (72%) e uomini (67%), mentre è la pratica religiosa a segnare qualche distinguo in più. Coloro che frequentano abitualmente la Messa, infatti, fermano il loro favore al 49%, mentre è tra chi vi si reca più saltuariamente (76%) o non ci va affatto (77%) che le percentuali tendono ad ampliarsi maggiormente.

Consideriamo, finalmente, l'influenza della politica. Il primo fattore da sottolineare è che i diritti delle coppie di fatto sono patrimonio della maggioranza di tutti gli elettorati. Tuttavia, il consenso più ampio è rintracciabile tra i sostenitori del Pd (81%) e dei partiti minori (79%), mentre si dispongono intorno alla media dell'area gli elettori del M5s (67%), di Forza Italia (65%) e della Lega (66%), oltre agli incerti (69%). Poco sotto a questo riferimento, infine, si collocano quanti voterebbero per FdI (58%).



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 11 e il 13 marzo 2020 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1003 persone (rifiuti/sostituzioni: 5682), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240