demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
I sanitari sono il gruppo professionale pił apprezzato nel Nord Est
(1 luglio 2020)
vedi »
Nord Est: fiducia nell'Unione Europea al minimo
(24 giugno 2020)
vedi »
L'identitą territoriale del Veneto
(17 giugno 2020)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL RAPPORTO FRA STATO E REGIONI SECONDO IL NORD EST

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
GESTIONE STATO-REGIONI? CONTRO IL VIRUS È MEGLIO
[di Natascia Porcellato]

Il pendolo dei poteri che oscilla tra Stato e Regioni l'abbiamo visto muoversi anche nel corso di questa pandemia. Tra le dichiarazioni del Ministro per gli Affari regionali Boccia che invocava la centralizzazione assoluta delle disposizioni e i Presidenti di Regione che chiedevano di poter decidere per i loro territori, alla fine la mediazione l'ha trovata il Primo Ministro, con il Governo a fissare il quadro di riferimento e le diverse Regioni a stabilire regole puntuali e specifiche.
Concorda con questa soluzione anche il 62% degli intervistati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino. L'ipotesi che metteva il Governo (6%) o le Regioni (15%) soli al comando, così come quella che prevedeva un quadro nazionale modificabile solo in senso restrittivo da parte delle Regioni (16%), infatti, appaiono tutte meno apprezzate dall'opinione pubblica dell'area.

Il duro confronto che si è svolto in questi mesi ha visto rinnovarsi tentazioni già conosciute, opposte e contrapposte. Lo Stato, da una parte, che mal sopporta le competenze concorrenti o esclusive delle Regioni. Le Regioni, dall'altra, che sono diversamente regolate, nel loro rapporto con il Centro, da statuti ordinari e non, con alcune -Veneto in testa- a chiedere maggiore autonomia.

Eppure, posta di fronte al bivio tra Stato e Regioni, sono rari i casi in cui l'opinione pubblica nordestina appare dubbiosa. Così, dal turismo all'agricoltura (entrambe 80%), dal trasporto pubblico (77%) alla sanità (64%), l'assegnazione delle competenze alle Regioni appare largamente maggioritaria. Diverso invece il discorso sulla scuola: su questo, gli intervistati si spaccano esattamente a metà tra chi predilige lo Stato (50%) e chi sceglie le Regioni (50%).

Consideriamo l'influenza della politica nell'analisi delle risposte degli intervistati. Il turismo sembra mettere d'accordo ogni tipo di sensibilità: elettori del Pd (71%) o del M5s (59%), di Forza Italia (90%) o della Lega (92%), di FdI (87%) o dei partiti minori (79%), tutti sono largamente a favore del fatto che siano le Regioni a occuparsene. Anche in fatto di agricoltura e trasporto pubblico la maggioranza degli orientamenti porta alla Regione. Tra chi guarda al partito di Zingaretti (65 e 77%) o a quello di Berlusconi (73 e 80%); tra gli elettori di Salvini (94 e 86%) o della Meloni (86 e 77%), tra i pentastellati (78 e 68%) o chi guarda ai partiti minori (65 e 78%): in tutti i casi emerge una richiesta di minore presenza dello Stato. Più divisivi, invece, appaiono sanità e scuola. È tra chi voterebbe per il Pd (32 e 15%) e M5s (26 e 19%) che è più debole la richiesta di maggiore presenza delle Regioni in tema di salute e istruzione. I sostenitori di Forza Italia (52%) e dei partiti minori (55%) si schierano dalla parte della sanità regionale, ma in fatto di scuola sono meno convinti (rispettivamente, 38 e 40%). A mostrare la spinta più forte verso le Regioni anche in questi due settori sono i sostenitori della Lega (88 e 75%) e di FdI (83 e 59%).
E il pendolo, nel frattempo, continua a oscillare.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 6 e l'8 maggio 2020 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1005 persone (rifiuti/sostituzioni: 4967), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.
Documento completo su www.agcom.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240