demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il concetto di famiglia a Nord Est si sposta verso la convivenza
(30 settembre 2020)
vedi »
Allo stadio? Sì per il Nord Est.
(16 settembre 2020)
vedi »
Covid, a Nord Est si teme un nuovo lockdown
(9 settembre 2020)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST - ELEZIONI GIÀ SEGNATE

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
PER ZAIA CORSA SENZA AVVERSARI. LA SUA LISTA VALE 3 VOLTE LA LEGA
[di Natascia Porcellato]

Il più conosciuto, il più amato, il più votato: Luca Zaia si appresta a succedere a sé stesso alla guida della Regione. Secondo le stime di voto elaborate da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est in vista delle prossime elezioni, la (ri)conferma del Governatore uscente non è in discussione, ma la straordinarietà del voto in Veneto ha altre e diverse matrici, che non risiedono nel nome del vincitore.

La conoscenza, innanzitutto. Solo il 3% dei veneti ignora chi sia Zaia. Per i suoi competitor, il primo scoglio è proprio questo: la percentuale di veneti che non sa chi siano gli avversari del Presidente uscente oscilla tra il 71% di Lorenzoni e l'84% della Bertelle.

La fiducia, poi. Il gradimento riservato agli otto sfidanti di Zaia varia dal 4% raccolto da Girotto al 13% riconosciuto a Lorenzoni, mentre lui gode dell'apprezzamento dell'81% degli intervistati.

Un bagaglio di fiducia, quello di Zaia, costruito con cura, nel tempo. Nel 2008, mentre era ancora Ministro, godeva del sostegno del 42% dei veneti. Nel 2009 sale al 54%, e da allora non scenderà mai più sotto il 50%. Tutto il suo primo mandato da Governatore (2010-2015), Zaia lo porta avanti con un gradimento che varia tra il 58 e il 70%. Dalla sua rielezione del 2015, è sempre sopra il 60%, valore che consolida e accresce fino a raggiungere, tra settembre 2019 e gennaio 2020 (quindi: prima della crisi da Covid-19), il 72-73%. L'attuale 81%, dunque, sembra raccontare, più che l'eccezionalità della pandemia, quella dello stesso Presidente e del suo rapporto con i veneti, riconoscibile oggi in almeno altri due indicatori.

Il primo è il risultato personale di Zaia: le stime di Demos sembrano proiettarlo al 76% dei consensi, lasciando solo poche briciole a Lorenzoni, fermo al 14% (un risultato inferiore a quanto raccolgono il Pd, 13%, e le altre liste in suo sostegno, 4%) e agli altri candidati, che complessivamente non vanno oltre il 10%.
Il secondo, è il risultato della sua lista, quella Zaia. Il partito del Presidente, stimato al 44% dei consensi, arriva quasi a doppiare il suo risultato del 2015 (23%), mettendo dietro tutti e scavando una voragine tra sé e gli altri, soprattutto i propri alleati. Fratelli d'Italia raggiunge il 9%: è il miglior risultato di sempre in Veneto (+6 punti percentuali rispetto alle Regionali passate, +2 guardando alle Europee), ma la crescita della formazione della Meloni avrebbe fatto presagire a un progresso ancora più marcato. Forza Italia non riesce a replicare il 6% del 2015 (e del 2019) e si ferma al 4%, come anche la Lista Veneta Autonomia. Ma, sopra tutti, sembra essere la Lega di Salvini a soffrire la Lista Zaia: l'attuale 14% segna un arretramento di 4 punti percentuali rispetto a 5 anni fa, ma guardando alle Europee il saldo negativo arriva fino a -36.

Nota finale: le stime di voto sono fotografie di ieri che cercano di catturare quel che sarà domani. Nelle prossime settimane, tutti cercheranno di cambiare quello che abbiamo visto oggi. Per questo, dovrebbero essere guardate come fossero sfocate: perché sono immagini in movimento, fino all'apertura dei seggi.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 27 agosto e il 1 settembre 2020 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 610 persone (rifiuti/sostituzioni: 4614), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.96% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra. L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.
Documento completo su www.sondaggipoliticoelettorali.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240