demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Covid accresce la generosità del Nord Est con i più bisognosi
(28 ottobre 2020)
vedi »
Nord Est: si gioca ancora d'azzardo
(21 ottobre 2020)
vedi »
Il tifo calcistico a Nord Est
(14 ottobre 2020)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - ALLO STADIO? SÌ PER IL NORD EST.

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
CALCIO, MEZZO NORD EST VUOLE TORNARE ALLO STADIO
[di Natascia Porcellato]

Si è appena conclusa la stagione 2019/2020, ma già la ripresa per il 2020/2021 è alle porte: il calcio, grande passione nazionale, sta per tornare in campo. Ma con chi, intorno? Non tifosi e spettatori, a quanto pare. La proposta della Lega Calcio per la riapertura al pubblico degli stadi, infatti, è stata, per ora, respinta al Comitato Tecnico Scientifico. E così, in attesa di capire se si potranno varcare i tornelli a ottobre, ai tifosi non restano che le partite dal divano. D'altra parte, sono ancora nella memoria collettiva gli effetti della partita di Champions League tra Atalanta e Valencia: giocata il 19 febbraio scorso, quindi prima che l'epidemia venisse identificata in Italia, secondo diversi osservatori è stato uno dei veicoli privilegiati per la diffusione del virus, in Italia e in Spagna.

L'Osservatorio sul Nord Est di oggi interroga l'opinione pubblica di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento proprio intorno al tema dell'accesso agli stadi. Secondo le analisi di Demos, il 43% dei nordestini ritiene che dovrebbe essere proibito andare allo stadio, mentre è il 50% a pensare che potrebbe essere fruito, pur con le cautele già applicate ad altri contesti, come l'uso della mascherina e il distanziamento tra le persone. Del tutto residuale (3%) è la percentuale di coloro che ritengono si possa frequentarli senza particolari precauzioni, come si è sempre fatto.

Come si caratterizzano questi orientamenti nei diversi settori sociali? Vediamo il profilo di chi vorrebbe la loro chiusura, senza se e senza ma. A mostrare un'adesione superiore alla media a questa opinione sono i più giovani, sia gli under-25 (50%), che quanti hanno tra i 25 e i 34 anni (47%). Tra le persone di età centrale (35-44 anni), poi, il valore cresce ulteriormente, raggiungendo il 56%, mentre tra coloro che anno tra i 45 e i 54 anni l'idea di proibire l'accesso agli stadi si attesta al 48%. Professionalmente, invece, emerge una maggiore presenza di impiegati (55%), studenti (53%) e disoccupati (51%).

Consideriamo ora coloro che ritengono possibile andare allo stadio, seppur con le precauzioni note, come l'uso della mascherina e il distanziamento tra le persone. In questo caso sono gli adulti tra i 55 e i 64 anni (55%) e, in misura ancora più marcata, gli anziani con oltre 65 anni (60%), a sostenere questa ipotesi. Dal punto di vista socioprofessionale, invece, sono soprattutto gli operai (54%) e gli imprenditori (64%) ad auspicare un ritorno negli stadi in sicurezza.

Consideriamo, infine, come cambiano queste idee in base alla passione calcistica. Tra i tifosi, l'idea di frequentare gli stadi, anche se dotati di mascherina e a distanza, appare maggioritaria (55%), anche se la componente che vorrebbe proibirne l'accesso appare tutt'altro che marginale (37%). I non tifosi, invece, si dividono in maniera identica tra coloro che hanno una posizione più rigida, di chiusura degli stadi (47%), e quanti invece ritengono possibile aprirli, seppur con mascherina e distanziamento sociale (47%).




NOTA INFORMATIVA
L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 27 agosto e il 1 settembre 2020 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1004 persone (rifiuti/sostituzioni: 6803), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240