demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Nord Est: giudizio severo sui no vax
(19 gennaio 2022)
vedi »
Cosa si aspetta il Nord Est dal 2022
(12 gennaio 2022)
vedi »
Nord Est: piace Mattarella, per il dopo non si sa
(29 dicembre 2021)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL NORD EST E IL NATALE

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
NATALE VUOL DIRE FAMIGLIA. PER 1 SU 5 È FESTA RELIGIOSA
[di Natascia Porcellato]

Il Natale? Una festa degli affetti rappresentata dall'Albero addobbato: sembrano essere queste le indicazioni principali che emergono dai dati elaborati da {italicDemos per l'Osservatorio sul Nord Est del {italicGazzettino. Oggi, infatti, è il 47% a identificare nel Natale un momento importante soprattutto per stare con i propri cari, mentre il 32% la giudica una mera operazione commerciale e il 21% la riconduce al suo significato religioso. Al contempo, è l'Albero (43%) ad essere preferito al Presepe (29%), anche se non mancano quanti li amano entrambi (23%) o chi ugualmente non li apprezza (5%).

Quello che sta per arrivare sarà il secondo Natale di Pandemia. Per sapere che festività ci attendono quest'anno dovremo aspettare domani, quando la Cabina di Regia renderà note le regole con cui saranno gestite le prossime settimane. Le prime indiscrezioni parlano di utilizzo obbligatorio di mascherina all'aperto e di un'applicazione più estensiva del Super Green Pass, oltre a un richiamo alla responsabilità e alla cautela personale nell'incontrare parenti e amici. Nulla a che vedere con le pesanti restrizioni del 2020, dunque, ma in ogni caso quelle che ci attendono saranno delle festività limitate.

La pandemia ha cambiato il significato che ha il Natale nel Nord Est? In linea generale, sembra abbia accentuato una tendenza che si stava già delineando. Tra il 2009 e il 2013, la maggioranza relativa dei nordestini la riteneva soprattutto una festa commerciale (37-41%), mentre le quote di intervistati che la giudicavano una ricorrenza rilevante per stare con i propri cari erano comprese tra il 33 e il 35% e chi ne sottolineava il significato religioso oscillava tra il 25 e il 28%. Nel 2017, il primo cambiamento dell'opinione pubblica: cresce in maniera rilevante la connotazione affettiva (40%), a discapito sia di quella commerciale (38%) che religiosa (21%). Oggi, questa propensione appare ulteriormente confermata: se chi ne ha una concezione religiosa appare stabile (21%), ad essere ulteriormente aumentata è la componente di chi la considera importante per stare con i propri cari (47%) a svantaggio di chi ne ha una visione più commerciale (32%).

Una festa degli affetti, dunque, il Natale. Ma cosa lo simboleggia meglio? L'Albero (43%) "vince" sul Presepe (29%), anche se non manca una quota di intervistati che ama entrambi (23%) e una che ne è ugualmente lontana (5%). La preferenza verso l'abete addobbato sembra essere presente soprattutto tra giovani (69-77%) e le persone di età centrale (35-44 anni, 56%); al contrario, il Presepe cresce in misura maggiore tra adulti (55-64 anni, 40%) e anziani over-65 (44%).

Se consideriamo la religiosità, infine, traiamo ulteriori indicazioni. Quanti vanno in Chiesa saltuariamente tendono a preferire l'Albero (48%), così come chi non è praticante (64%). Il Presepe sembra dunque essere appannaggio soprattutto di chi frequenta assiduamente la Messa (55%), tra cui però è presente anche una quota rilevante (34%) che li ama entrambi e li vuole entrambi a rappresentare il Natale.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 23 e il 27 novembre 2021 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1006 persone (rifiuti/sostituzioni: 6687), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Sara Garbin ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240