demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Le vacanze 2022 del Nord Est
(3 agosto 2022)
vedi »
Volontariato e partecipazione sociale a Nord Est
(27 luglio 2022)
vedi »
I rincari di gas e benzina in cima alle preoccupazioni per il futuro prossimo
(20 luglio 2022)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST: I RINCARI DELLE BOLLETTE PREOCCUPANO QUASI TUTTI

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
NOVE SU 10 "SPAVENTATI" DAI COSTI DELLE BOLLETTE
[di Natascia Porcellato]

La paura per il costo di gas ed energia elettrica fa 90. Secondo i dati elaborati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, infatti, è questa la percentuale di intervistati di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della Provincia Autonoma di Trento che complessivamente si dichiarano molto (53%) o abbastanza (37%) preoccupati per il caro-bollette, mentre è il 10% che mostra poca (8%) o nessuna (2%) apprensione per l'aumento dei costi energetici.

Mentre procede la corsa del Governo alla diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico del Paese per sganciarlo dalla dipendenza verso la Russia, parallelamente proseguono anche i sostegni agli investimenti nelle fonti rinnovabili, il tentativo di semplificazione delle procedure autorizzatorie degli impianti di rigassificazione, il taglio di Iva e accise sui carburanti e i fondi per famiglie e imprese colpite dal rincaro del costo dell'energia.

Tutto questo, però, non sembra rasserenare l'opinione pubblica del Nord Est: è alta, infatti, la preoccupazione per l'aumento dei costi dell'energia a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi, tanto alta da coinvolgere nove intervistati su dieci. Il timore è trasversale a tutti i settori: infatti, coinvolge giovani (87%) e anziani (91%), uomini (88%) e donne (92%), chi ha un livello di istruzione basso (93%) e alto (90%), operai (91%) e imprenditori (80%), chi vive in Veneto (91%), Friuli-Venezia Giulia (87%) o a Trento (90%).

Quasi nessuno, dunque, sembra essere immune dalla preoccupazione per l'aumento del costo di energia elettrica e gas. L'ipotesi di imporre un taglio dei consumi, tuttavia, sembra dividere l'opinione pubblica dell'area: a dichiararsi favorevole a questa ipotesi, infatti, è il 48% dei nordestini.

Come si caratterizza questo orientamento dal punto di vista sociale? Guardando al fattore anagrafico, possiamo vedere come, in linea generale, (quasi tutte) le diverse età non si discostino in maniera rilevante dalla media, segno che la divisione le attraversa tutte. L'adesione all'idea che sia imposto un taglio dei consumi raggiunge il 52% tra gli under-25, si attesta intorno al 50% tra coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni e tocca il minimo tra quanti hanno tra i 35 e i 44 anni (37%). Torna al 50% tra quanti hanno tra i 45 e i 54 anni, si ferma al 47% tra gli adulti e arriva al 51% tra gli over-65.

Considerando il titolo di studio, poi, emerge che l'ipotesi di imporre un taglio dei consumi raggiunge il 50% tra chi è in possesso della licenza elementare, si ferma al 43% tra quanti hanno conseguito la licenza media e si attesta al 52% tra chi ha un diploma o una laurea.

Dal punto di vista socioprofessionale, infine, l'idea che sia imposto un taglio dei consumi a tutto il Paese viene apprezzata in misura maggiore da casalinghe (61%) e liberi professionisti (53%). Intorno alla media dell'area, invece, si attestano impiegati (50%) e pensionati (48%). Meno adesione, invece, possiamo registrarla tra studenti (44%) e operai (41%), anche se i valori minimi sono osservabili tra disoccupati e lavoratori autonomi (entrambi 37%).



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 13 e il 15 aprile 2022 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1000 persone (rifiuti/sostituzioni: 4931), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.59% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Sara Garbin ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240