demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Nord Est: come cambia l'atteggiamento verso il lavoro
(21 settembre 2022)
vedi »
La scuola senza risorse
(14 settembre 2022)
vedi »
Le stime di voto in Veneto a tre settimane dalle elezioni
(7 settembre 2022)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - RESTA FORTE LA CONVINZIONE CHE SUL LAVORO LA LAUREA NON PAGHI ABBASTANZA. MA L'OPINIONE IN REGRESSO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
L'OPINIONE DEL NORD EST SU LAUREA E LAVORO
[di Natascia Porcellato]

"Al giorno d'oggi avere una laurea non assicura un lavoro ben pagato": secondo i dati raccolti e analizzati da Demos per Il Gazzettino, con questa affermazione è d'accordo, oggi, il 59% degli intervistati. Guardando alla serie storica, però, possiamo osservare come questo sia il valore più basso registrato dalle rilevazioni dell'Osservatorio sul Nord Est. Nel 2009, era il 63% a condividere l'idea che un titolo universitario non garantisse uno stipendio alto: questo valore tende a crescere tra il 2011 e il 2013 (66-68%), rientra parzialmente nel 2015 (61%), per poi tornare ad aumentare nel 2017 (66%) e, in misura ancora più marcata, nel 2019 (71%). Oggi, con il 59% delle adesioni, l'idea che una laurea non assicuri un lavoro ben pagato tocca il suo punto di adesione minima, pur mantenendo un consenso largo (e nettamente maggioritario).

Eppure, il rapporto AmaLaurea 2022 afferma: conviene conseguire una laurea, invece di fermarsi al diploma. L'istantanea che emerge dalle analisi presentate la scorsa settimana a Bologna racconta che, a un anno dalla proclamazione, il tasso di occupazione sfiora il 75% sia per chi ha discusso una tesi triennale che Magistrale. E a quanto ammontano gli stipendi? Dodici mesi dopo la laurea triennale, la retribuzione è intorno ai 1.340 euro, che salgono a 1.544 dopo 5 anni; per chi ha completato il percorso magistrale, invece, lo stipendio a un anno dalla discussione raggiunge quota 1.407 euro, che sale a 1.635 dopo 5 anni.

Sono, con tutta evidenza, stipendi che non soddisfano i nordestini, dato che quasi 6 su 10 non ritengono la laurea un lasciapassare per un lavoro ben pagato. Quali settori sociali appaiono più convinti di questo? Guardando al fattore anagrafico, emerge come questa idea sia più diffusa tra gli adulti tra i 45 e i 54 anni (65%), anche se l'adesione più ampia è rintracciabile tra chi ha tra i 25 e i 34 anni (71%), o è in un'età centrale (35-44 anni, 74%). In linea con la media dell'area, invece, è l'adesione registrata tra chi ha tra i 55 e i 64 anni (58%); al di sotto di questo valore (e della maggioranza assoluta) si collocano gli anziani (42%) e gli under-25 (45%).

Consideriamo ora proprio il livello di istruzione dei rispondenti. L'idea che una laurea non assicuri un lavoro ben pagato è minima tra chi è in possesso della licenza elementare (32%), raggiunge il 59% tra quanti hanno conseguito quella media, mentre tocca il suo punto più ampio (69%) tra chi è diplomato o laureato.

Osserviamo, infine, l'influenza della condizione socioprofessionale. Operai (73%) e impiegati (72%), insieme ai liberi professionisti (67%), sono le categorie in cui è più popolare l'idea che una laurea non assicuri una buona retribuzione. Intorno alla media dell'area, poi, si collocano imprenditori e lavoratori autonomi (61%). Meno ampia, invece, sembra essere l'adesione che proviene da casalinghe e disoccupati (entrambi 53%), anche se i valori minimi sono rintracciabili chi è già uscito dal mercato del lavoro, i pensionati (45%), e chi deve ancora affrontarlo, gli studenti (42%).



NOTA INFORMATIVA
L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 13 e il 15 aprile 2022 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1000 persone (rifiuti/sostituzioni: 4931), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.59% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Sara Garbin ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240