demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il merito? conta poco per il Nord Est
(23 novembre 2022)
vedi »
Nord Est preoccupato per inflazione e costi energetici
(16 novembre 2022)
vedi »
Il Governo Meloni piace al Nord Est
(9 novembre 2022)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - LE STIME DI VOTO IN VENETO A TRE SETTIMANE DALLE ELEZIONI

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
VENETO, SVOLTA NEL CENTRODESTRA. FDI OLTRE IL 30%, LEGA DOPPIATA.
[di Natascia Porcellato]

Fratelli d'Italia doppia la Lega in Veneto: mentre sulle elezioni del 25 settembre incombe lo spettro dell'astensionismo, secondo le stime di voto elaborate da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino sembra prefigurarsi un terremoto all'interno del centrodestra. Il partito di Giorgia Meloni, infatti, sfiora il 31%, quello guidato da Matteo Salvini si ferma poco sopra al 14%, mentre Forza Italia resta sotto alla doppia cifra, intorno al 9%.

È, dunque, un vero e proprio rovesciamento nei rapporti interni alla coalizione quello causato dall'emorragia di voti del Carroccio, ben rappresentata dai saldi negativi registrati rispetto alle più recenti elezioni (Europee: -36 punti percentuali; Politiche: -18 punti percentuali), e a cui fa da contraltare l'andamento di Fratelli d'Italia, che cresce di 24 punti percentuali rispetto al 2019 e di 26 rispetto al 2018.

Nell'altra coalizione, quella di centrosinistra, il Partito Democratico si ferma poco sotto al 18% (valore del tutto simile a quello registrato nel 2018 e 2019), la lista composta da Europa Verde e Sinistra Italiana supera il 4%, mentre +Europa sfiora il 3%: nel complesso, una sostanziale conferma dei rapporti di forza osservati alle ultime Europee.

Chi, invece, mostra un ulteriore acuirsi della crisi già osservata in passato è il Movimento 5 Stelle: accreditato oggi in Veneto del 6% dei consensi, la diminuzione rispetto al risultato ottenuto nel 2019 è di 3 punti percentuali, ma guardando al 2018 il saldo arriva a -18.

La neonata aggregazione centrista formata da Azione di Carlo Calenda e Italia viva di Matteo Renzi, infine, in Veneto raggiunge la soglia del 7% dei consensi.
L'avvertenza, in questa come nelle altre occasioni, è sempre la stessa: le stime di voto sono fotografie di ieri attraverso cui si cerca di scrutare cosa accadrà domani. Questo è, insomma, il fermoimmagine di una pellicola in continuo movimento, e che lo sarà ancora di più nei giorni a venire. Parafrasando un famoso dialogo cinematografico, viene da dire: è la campagna elettorale, bellezza, ha esattamente l'ambizione di spostare voti (e smentire i sondaggisti).

In più, in questa consultazione, pesa l'incertezza: se andare a votare innanzitutto (per un veneto su tre); ma anche: su quale contrassegno apporre la propria croce. In proposito, i dubbi tormentano il 38% di coloro che hanno già deciso di recarsi ai seggi e il 76% di quanti ancora non sanno se prendere tessera elettorale, carta d'identità e andare a votare il 25 settembre.

D'altra parte, in questa campagna elettorale sembra esserci stato poco impulso al coinvolgimento degli elettori, a partire proprio dalla scelta degli aspiranti parlamentari. Il giudizio su di loro appare piuttosto netto: quello che li ha portati alla candidatura è, secondo i veneti intervistati, più l'importanza che hanno nel partito (48%) che quella che rivestono nel territorio (18%) o le loro capacità politiche (12%).

Sembra, quindi, che i veneti abbiano percepito una certa disaffezione dei partiti verso il territorio: se e come decideranno di reagire, lo scopriremo il 26 settembre.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 29 agosto e il 1 settembre 2022 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI e CAWI da Demetra. Il campione, di 800 persone (rifiuti/sostituzioni: 3515), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, per provincia, avendo cura di distinguere comune capoluogo da non capoluogo, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.46% con CAWI) ed è stato ponderato in base alle variabili socio-demografiche.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione dell'indagine CATI-CAMI-CAWI. Le stime di voto sono curate da Roberto Biorcio.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.sondaggipoliticoelettorali.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240