demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Nord Est ritiene che la laurea non aiuti a trovare un lavoro ben pagato
(10 luglio 2024)
vedi »
Il Nord Est favorevole a vietare il consumo di alcoo all'aperto
(3 luglio 2024)
vedi »
Il Nord Est è per le spiagge libere
(26 giugno 2024)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - DIFENDERSI (CON LE ARMI) È GIUSTO PER 2 NORDESTINI SU 3

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
DIFENDERSI IN CASA CON LE ARMI? IL CONSENSO È SEMPRE ALTO: 63%
[di Natascia Porcellato]

"Se una persona trova dei ladri in casa ha sempre il diritto di difendersi anche usando delle armi"? Sì, secondo l'opinione pubblica di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della Provincia di Trento. Secondo gli ultimi dati elaborati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, infatti, il 63% dei nordestini si mostra molto o abbastanza d'accordo con questa affermazione. Guardando alla serie storica, inoltre, possiamo osservare come la tensione sul tema non sia mai venuta meno. Dal 2018 ad oggi, infatti, l'appoggio verso questa posizione, oscillando tra il 62 e il 71%, ha mantenuto una costante e netta maggioranza.

Quali settori condividono con più forza l'idea che, in caso di ladri in casa, i cittadini hanno sempre il diritto di difendersi anche con l'uso di armi? Il primo fattore da annotare è la trasversalità dell'orientamento: raramente, infatti, l'adesione scende sotto la soglia del 50%.

Andando più nel dettaglio, vediamo che il consenso tende a essere più ampio tra gli uomini (66%) che tra le donne (60%), mentre dal punto di vista anagrafico l'adesione maggiore è rintracciabile tra coloro che hanno tra i 35 e i 44 anni (70%). Intorno alla media dell'area, invece, si attestano i rispondenti tra i 25 e i 34 anni e di età centrale (entrambi 65%), insieme agli anziani (61%). Più lontani, ma comunque al di sopra della soglia della maggioranza assoluta, appaiono i giovani under-25 (53%) e gli adulti tra i 55 e i 64 anni (57%).

Anche il fattore socioprofessionale sembra offrire una certa veduta comune. L'idea che l'uso delle armi in casa sia legittimo in caso di "visite indesiderate" appare più popolare tra operai (67%), imprenditori (66%) e liberi professionisti (71%), ma non distante troviamo anche pensionati (64%) e impiegati (61%). Più contenuta (anche se comunque maggioritaria) appare l'adesione espressa da casalinghe (58%), disoccupati (54%) e studenti (51%).

È politicamente che possiamo apprezzare dei distinguo più rilevanti. L'assenso più ampio proviene dagli elettori di Fratelli d'Italia (85%) e della Lega (77%), insieme a quanti voterebbero per il Movimento 5 Stelle (69%), mentre poco al di sotto della media dell'area si attestano coloro che guardano a Forza Italia o che appaiono incerti (entrambi 58%). Più lontani si fermano i sostenitori dei partiti minori, esattamente divisi a metà, mentre l'elettorato che sembra prendere le distanze in maniera più netta dall'idea che sia sempre giusto difendersi in casa anche con l'uso di armi sembra essere quello del Partito Democratico: tra di loro, infatti, l'adesione si ferma al 31%.

Secondo l'Osservatorio sulla sicurezza della casa (Veisure-Censis, 2023), il furto in abitazione è il reato di cui gli italiani hanno più paura di essere vittima (53%). D'altra parte, il 19% degli intervistati ne ha subito almeno uno, e il 45% conosce qualcuno a cui è successo. È un fenomeno, quindi, che appare tristemente familiare e che mette in crisi il benessere e la qualità della vita di ognuno: perché un ladro in casa, propria o di un conoscente, può anche non portare via nulla. Ma ruberà, sempre e comunque, la certezza della propria intimità.




NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 10 e il 13 gennaio 2024 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1.004 persone (rifiuti/sostituzioni: 4.220), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240