demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
Le mappe di Ilvo Diamanti
ULTIME MAPPE
Italiani malati di calcio ma con l’effetto Sinner il tennis sbaraglia tutti gli altri sport
(8 aprile 2024)
vedi »
Gli italiani e i migranti “Preoccupano ancora ma non rubano il lavoro”
(18 marzo 2024)
vedi »
Le passioni degli italiani Cresce a sorpresa il tifo per la politica la Chiesa perde quota
(9 marzo 2024)
vedi »
Il “campo larghissimo” piace al centrosinistra ma non convince chi vota il Terzo Polo
(1 marzo 2024)
vedi »
LE MAPPE DI ILVO DIAMANTI

La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
CON I TRATTORI OTTO ITALIANI SU DIECI. E MELONI PERDE SEI PUNTI DI CONSENSO
[La Repubblica, 10 febbraio 2024]

La fiducia verso il governo, anzitutto, ha toccato il livello più basso, dai tempi del secondo governo Conte. Dunque, da febbraio 2020. Attualmente è scivolata al 44%: quasi 10 punti in meno, rispetto a un anno fa. Sul piano elettorale, però, le conseguenze appaiono molto più limitate. In quanto il partito della premier Giorgia Meloni, i Fratelli d'Italia (FdI), è sceso di soli 2 punti, rispetto a un anno fa. E supera ancora, di poco, il risultato ottenuto alle Politiche, nel settembre 2022. Dall'altra parte, però, l'opposizione si conferma un campo "diviso". E, quindi, certamente "non largo". Il Pd è sceso al 19,6%. Poco meno, rispetto allo scorso novembre. Dopo avere recuperato costantemente nell'ultimo anno. Mentre il M5S è ri-salito al 16,9 %. Dietro, cambia poco. Gli altri partiti, infatti, restanolontani. Sotto il 10%. La Lega intorno all'8%, FI al 7%. Europa Verde, i Verdi e la Sinistra si fermano al 3,5%, mentre Azione e Italia Viva restano ai margini. Fra il 3 e il 4%. Rigorosamente divisi. In fondo, troviamo +Europa, di Emma Bonino. Che, comunque, mantiene un grado di consenso "personale". Elevato.

Se osserviamo il gradimento verso i principali leader, l'immagine politica risulta ancora più sfocata. Infatti, non si vedono figure in chiara "crescita di consenso". Al contrario. Negli ultimi mesi, quasi tutti i leader mostrano perdite (più o meno) limitate. Per prima, la premier, Giorgia Meloni. Pur confermandosi la "più gradita" agli italiani, il "gradimento" nei suoi confronti si riduce di 6 punti e scende al 44%. Più indietro, il segretario di FI, Antonio Tajani, dopo aver "beneficiato" della successione a Silvio Berlusconi, scende, a sua volta, di 6 punti e si ferma al 37%.

Ma tutti i leader dimostrano un "andamento lento". Solo Nicola Fratoianni, segretario di Sinistra Italiana, vede risalire ilproprio consenso di alcuni punti. Per la precisione, 4. E arriva al 24%, senza staccarsi di molto dal "fondo" classifica. Poco più sopra, si colloca Elly Schlein, che fatica ad affermare la propria leadership. Nel Pd e sul piano politico nazionale. Un problema significativo, in tempi nei quali l'immagine dei partiti si identifica sempre più con la figura del Capo. Per questo, si accentua la pressione sul Pd da parte del M5s. Il cui segretario, Giuseppe Conte, ottiene un grado di consenso "personale" molto piùelevato (40).

Il sondaggio di Demos per l'Atlante Politico delinea, quindi, un quadro politico "sicuramente insicuro". Certamente incerto. Dove la frammentazione rimane elevata. Nell'opposizione, in particolare. Viste le tensioni aperte fra Pd, M5s e Terzo Polo - a sua volta diviso. Ma i contrasti e le divisioni sono evidenti - e crescenti - anche nella maggioranza, visto che appare difficile considerare FdI e Lega veri alleati. Il problema è che, da tempo, siamo in campagna elettorale. In vista delle elezioni europee di giugno. Alle quali potrebbero candidarsi le leader dei principali partiti italiani. Giorgia Meloni ed Elly Schlein, per pr ime. Utilizzando l'Europa come un'occasione di confronto. E verifica degli attuali rapporti di forza. Tra maggioranza e opposizione. Nella maggioranza e nell'opposizione.

Ma l'insicurezza è alimentata anche, e soprattutto, dalle manifestazioni promosse e organizzate in Italia e in Europa da settori e ambienti sociali che reagiscono contro le difficoltà politiche ed economiche di questo periodo. La protesta dei trattori, contro i prezzi dei carburanti e le politiche agricole dell'Unione Europea, è partita daFrancia e Germania, ma, da giorni, si è allargata. E ha coinvolto l'Italia. Verso Milano, Roma. E Sanremo. Attualmente è condivisa da quasi 8 italiani su 10. Un sostegno inferiore, di poco, solo allo sciopero di medici e infermieri, contro la carenza di personale sanitario. Mentre si dicono d'accordo con le proteste dei sindacati verso le politiche economiche del governo circa 2 persone su 3. Infine, l'iniziativa dei giovani di Ultima Generazione, per sensibilizzare sui problemi dell'ambiente e del clima, ottiene un grado di approvazione più ridotto (circa 20%). Soprattutto per le forme di protesta utilizzate: il lancio di vernice su palazzi e opere d'arte. Queste manifestazioni ottengono consenso da parti politiche diverse, come sottolinea Fabio Bordignon, nella sua analisi. Tuttavia, convergono e contribuiscono a rafforzare il clima di insicurezza e frammentazione politica osservata in questa indagine.

Dove l'unico aspetto condiviso è la divisione.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240