demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
Le mappe di Ilvo Diamanti
ULTIME MAPPE
Il “campo larghissimo” piace al centrosinistra ma non convince chi vota il Terzo Polo
(1 marzo 2024)
vedi »
L’autonomia leghista piace sempre meno Soltanto nel Nord Est cresce il consenso
(19 febbraio 2024)
vedi »
Con i trattori otto italiani su dieci. E Meloni perde sei punti di consenso
(10 febbraio 2024)
vedi »
Il potere locale nella democrazia incerta
(29 gennaio 2024)
vedi »
LE MAPPE DI ILVO DIAMANTI

La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
PERCHÉ TORNA LA FIDUCIA NEI BUONI MAESTRI
[La Repubblica, 18 ottobre 2014]

La credibilità della scuola: non è più la stessa di un tempo. Ancora nel 2005, meno di 10 anni fa, il 60% degli italiani esprimeva fiducia nei suoi confronti. Oggi non più. Eppure il sondaggio di Demos-Coop, condotto nei giorni scorsi per la Repubblica delle Idee, dimostra come la valutazione nei suoi riguardi sia ancora molto positiva. Oltre metà dei cittadini, il 53%, continua, infatti, a guardarla con fiducia. Mentre circa il 60% si dice soddisfatto del funzionamento delle scuole, di diverso tipo e livello. In primo luogo di quelle elementari (65%), quindi dell'università e, in misura più limitata, delle medie. Più di 6 persone su 10, inoltre, manifestano fiducia nei confronti degli insegnanti. Pubblici. Perché la differenza tra istruzione pubblica e privata, negli orientamenti dei cittadini, si conferma elevata e significativa. A tutto vantaggio del pubblico, che appare molto più credibile, fra i cittadini. Che si tratti delle scuole o degli insegnanti.

Peraltro, il prestigio della "professione" del docente continua a essere ritenuto elevato e in crescita rispetto al passato recente. Soprattutto riguardo ai "maestri" e ai "professori universitari". Anche se quasi tutti (docenti compresi) vorrebbero che gli insegnanti venissero valutati e trattati su basi maggiormente "meritocratiche". Perché non tutti i maestri, non tutti i professori sono egualmente disponibili, capaci, preparati, impegnati... La scuola continua, dunque, a costituire un riferimento importante, anzi, essenziale per i giovani e per le loro famiglie. Accettato e apprezzato, sul piano educativo e formativo, ma anche della socializzazione e dell'inserimento nel mondo del lavoro. Non per caso, 2 persone su 10 indicano il "titolo di studio" tra i fattori più di successo nel lavoro. Al secondo posto, dopo le "capacità personali". Davanti al "sostegno di conoscenti, amici". E parenti.

Tuttavia, se la scuola è - dovrebbe essere - un importante meccanismo di promozione sociale, il disincanto appare diffuso e crescente. Il 73% ritiene, infatti, che la posizione sociale dei giovani, rispetto a quella dei genitori, sia destinata a peggiorare. Solo due anni fa, nel 2011, lo pensava il 63%. Dieci punti in meno. Così, parallelamente, è cresciuta la componente di italiani che vede l'unica speranza, per i giovani, altrove. Per avere un futuro migliore, per realizzarsi davvero, i giovani se ne devono andare. Lontano dall'Italia. Ormai lo pensano quasi 7 italiani su 10. Qualche anno fa erano 5. Personalmente, ho sempre osservato con scetticismo le polemiche sulla presunta "fuga dei cervelli". È esattamente questo il "vizio" italiano. Lo scarso potere di attrazione esercitato nei confronti dei "cervelli". Italiani e non. A ciò contribuisce il basso livello di investimenti - pubblici e ancor più privati - nel sistema formativo e nella ricerca. Ma il limite più evidente, agli occhi dei cittadini, dipende dal limitato grado di relazione fra sistema scolastico e mercato del lavoro. L'indagine di Demos- Coop lo conferma ampiamente. I principali problemi della nostra scuola, secondo gli italiani (intervistati) sono: la mancanza di fondi e di risorse e poi lo scarso collegamento con il mondo del lavoro. E non per caso oltre 9 persone su 10 vedono con favore riforme e proposte politiche volte a sviluppare l'alternanza fra scuola e lavoro. Ma anche favorire l'apprendimento delle lingue straniere e l'acquisizione di conoscenze informatiche e di competenze digitali.

Così si spiega il giudizio degli italiani su "La Buona Scuola", disegnata dal progetto di riforma del governo Renzi. Sicuramente positivo. Eppure, in qualche misura, ancora "sospeso". A causa delle difficoltà di trovare - e investire - davvero le risorse necessarie, promesse. Non a caso, solo una minoranza - per quanto larga: il 44% - ritiene che le riforme proposte da Renzi miglioreranno la scuola italiana. Gli altri ne dubitano. Oppure temono che peggiorerà.
Per questo, prima e più ancora che dal jobs act, il destino del governo dipende dalla riforma della scuola. Perché non esercita i suoi effetti sui meccanismi che regolano il mercato del lavoro, ma sulle "premesse" che ne condizionano il funzionamento. Sui requisiti tecnici e culturali che favoriscono lo scambio - e la chiusura - tra società e lavoro. Così, la mobilitazione degli studenti "contro" la riforma, mi sembra, comunque, utile. A promuovere, oltre che a "riformare", la riforma stessa. Un modo per ribadire - gridare - al governo, ai soggetti e agli uomini politici: la scuola, prima di tutto

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240