demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE

GLI ITALIANI E LO STATO

Rapporto annuale sugli atteggiamenti degli italiani nei confronti delle istituzioni e della politica. Realizzato su incarico del Gruppo L'Espresso, è giunto alla tredicesima edizione.

OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE
Osservatorio nazionale a cadenza trimestrale in collaborazione con Coop (Ass. Naz.le cooperative di consumatori). Senso civico, altruismo, solidarietà e altri comportamenti riconducibili al concetto di "capitale sociale".

IL MONDO A NORDEST

Analisi che fotografano un'area divenuta il simbolo delle profonde trasformazioni che attraversano la società settentrionale e italiana.

MONITOR ITALIA

Studi sulle tendenze sociali e politiche della società italiana. Un costante monitoraggio sull'opinione pubblica e sulle dinamiche politico-elettorali.

LE INDAGINI EUROPEE

Rapporti periodici sui temi dell'immigrazione, della cittadinanza, della partecipazione, osservati da una prospettiva continentale, nell'ambito del processo di costruzione dell'Ue.
continua continua continua continua continua
Le mappe di Ilvo Diamanti
La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
continua
Speciale Elezioni 2014
Coordinate e geografia del voto europeo e amministrativo 2014.
continua
I sondaggi realizzati per il programma RAI Visionari
Speciale Elezioni 2013
Speciale Elezioni 2010
17 gennaio 2017
Nord Est tiepido col Governo.
A poco più di un mese dal suo debutto, il giudizio di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento sul Governo guidato da Paolo Gentiloni appare cauto, ma le opposizioni, per ragioni diverse, non sembrano incassare particolari benefici dal cambio di guardia a Palazzo Chigi. Secondo i dati rilevati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est il 47% dei rispondenti esprime un giudizio positivo sull'esecutivo, una quota del tutto analoga a quanto rilevato verso il Governo Renzi nel settembre scorso. L'opposizione della Lega Nord, invece, gode del plauso del 34% dei nordestini, mentre appare sostanzialmente equivalente il consenso che si raccoglie intorno a quella attuata dal Movimento 5 Stelle e da Forza Italia (entrambe 27%).
10 gennaio 2017
Nord Est, la mafia non è percepita come pericolo
L'opinione pubblica di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e di Trento, sembra essere scarsamente preoccupata della presenza sul territorio di organizzazioni mafiose e del loro operato. Secondo i dati raccolti da Demos e pubblicati oggi all'interno dell'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, infatti, è poco più di un intervistato su cinque a sostenere che la criminalità organizzata è molto o abbastanza presente nella propria zona e una quota sostanzialmente analoga (21%) ritiene che la presenza delle cosche sia aumentata negli ultimi 10 anni.
7 gennaio 2017
XIX Rapporto «Gli italiani e lo Stato»
Nell'anno dell'anti-politica, mentre si acuisce il distacco dallo Stato e dai partiti, si assiste a un prepotente ritorno della politica. O meglio: della "partecipazione politica". Attraverso nuovi "media". Ma anche attraverso le forme più tradizionali. Internet e la piazza, insieme. A rinforzarsi a vicenda. Peraltro, all'indomani del referendum che ha bocciato la proposta di riformare la Costituzione, riemerge e si ripropone, ancora ampia, la domanda di riformare la Costituzione. E le istituzioni. Di emendare il bicameralismo. Di ridurre i costi della politica. Sono alcuni paradossi - apparenti - del XIX Rapporto "Gli italiani e lo Stato", curato da Demos per Repubblica.
31 dicembre 2016
Mappe - Un 2016 immobile per gli italiani, ma il domani non va rottamato. L’attesa del nuovo non c’è più
Il 2015 era stato l'anno di Matteo. Il migliore e, al tempo stesso, il peggiore tra i politici italiani, secondo i cittadini (intervistati da Demos, giusto un anno fa). Nel 2016 non è cambiato nulla. L'Italia resta ancora il "Paese di Matteo". In modo forse più netto e radicalizzato. Com'era prevedibile, dopo mesi di mobilitazione referendaria polarizzata intorno alla sua persona. Nel 2015, infatti, Renzi era stato nominato "migliore" politico dell'anno dal 19% del campione (rappresentativo) e "peggiore" da una componente più elevata: il 25%. Quest'anno il profilo si ripropone, ancora più marcato.

»Tabelle
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240