demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE

GLI ITALIANI E LO STATO

Rapporto annuale sugli atteggiamenti degli italiani nei confronti delle istituzioni e della politica. Realizzato su incarico del Gruppo L'Espresso, è giunto alla tredicesima edizione.

OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE
Osservatorio nazionale a cadenza trimestrale in collaborazione con Coop (Ass. Naz.le cooperative di consumatori). Senso civico, altruismo, solidarietà e altri comportamenti riconducibili al concetto di "capitale sociale".

IL MONDO A NORDEST

Analisi che fotografano un'area divenuta il simbolo delle profonde trasformazioni che attraversano la società settentrionale e italiana.

MONITOR ITALIA

Studi sulle tendenze sociali e politiche della società italiana. Un costante monitoraggio sull'opinione pubblica e sulle dinamiche politico-elettorali.

LE INDAGINI EUROPEE

Rapporti periodici sui temi dell'immigrazione, della cittadinanza, della partecipazione, osservati da una prospettiva continentale, nell'ambito del processo di costruzione dell'Ue.
continua continua continua continua continua
Le mappe di Ilvo Diamanti
La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
continua
I sondaggi realizzati per il programma RAI Visionari
1 aprile 2020
Nord Est: per il 56% l'emergenza virus finirà entro maggio
La domanda che corre nella mente di tutti è la stessa: quando finirà tutto questo? Quando potremo tornare alle nostre vite? Secondo i dati dell'Osservatorio sul Nord Est di Demos, la maggioranza (56%) pensa che l'epidemia si esaurirà entro maggio e poco meno di un nordestino su tre (31%) ritiene che non sarà prima di giugno. A testimoniare la grande incertezza del periodo, è piuttosto ampia la quota di intervistati che non si esprime (14%).
30 marzo 2020
Mappe - Il virus che ridisegna i nostri confini
È cambiato tutto. Sta cambiando tutto. Un attimo dopo l'altro. Il coronavirus ha de-limitato il nostro tempo. E, ovviamente, anche il nostro spazio. Tanto più in epoca di globalizzazione. Quando tutto ciò che avviene dovunque, nel mondo, ci riguarda. D'altronde, il Covid-19 non ha confini. Semmai, li approfondisce. E noi lo in-seguiamo. In quanto è coerente con il principio che orienta lo spettacolo e alimenta l'audience: la paura. Perché la paura fa spettacolo e fa crescere l'audience.
25 marzo 2020
Nord Est: il corona virus e la politica
La quotidianità ai tempi del Coronavirus non lascia spazio a molte cose, ma impone diverse rinunce. In questi giorni, siamo per lo più confinati in casa, se non per lo stretto necessario: spesa, una volta alla settimana; farmacia; lavoro. E alcuni hanno dovuto rinunciare anche a quest'ultimo. Bar, ristoranti, parrucchieri, estetiste, già dall'8 marzo; aziende non strettamente necessarie, in questi giorni. Tutti chiusi per Decreto. Tutti accomunati al resto della popolazione nell'incertezza di quello che sarà quando tutto questo sarà finito.
23 marzo 2020
Mappe - Nell’Italia assediata dal virus la grande paura è il futuro dei figli
Il coronavirus ha cambiato la nostra visione del mondo. E, prima ancora, della realtà intorno a noi. Ha ridefinito la nostra percezione del tempo. Il domani ci appare scuro. Meglio: sospeso. Mentre il passato inizia con l'irruzione, del virus. Anche se la data ci risulta incerta. L'unica certezza è che questo tempo senza tempo: durerà a lungo. Come mostra il sondaggio condotto nei giorni scorsi (dall'Osservatorio Europeo sulla Sicurezza di Demos-Fondazione Unipolis). Quasi 3 italiani su 4 pensano che durerà "alcuni mesi". Anche se non è chiaro quanti. Ma il 16% evoca un orizzonte oscuro. E senza limiti precisi: almeno "un anno". Dopo, non si sa.

»Tabelle
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240