demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE
56. Generazioni i e futuro
(30 ottobre 2017)
vedi »
ONG e volontariato
(6 agosto 2017)
vedi »
Mapping: le parole del nostro tempo - partiti e leader
(31 luglio 2017)
vedi »
Le parole del futuro
(17 luglio 2017)
vedi »
OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE - 56. GENERAZIONI I E FUTURO

Osservatorio nazionale a cadenza trimestrale in collaborazione con Coop (Ass. Naz.le cooperative di consumatori). Senso civico, altruismo, solidarietà e altri comportamenti riconducibili al concetto di "capitale sociale".
GENERAZIONI E FUTURO

IL VERO CONFINE STA NELLA FAMILIARITÀ CON IL DIGITALE
[di Luigi Ceccarini]

Le generazioni sono diverse e dinamiche. Non è una novità e l'indagine Demos-Coop l'ha confermato rilevando orientamenti verso l'orizzonte di vita, il futuro, l'incertezza. È interessante non solo la differenza tra le generazioni - persone che sono cresciute in fasi storiche differenti - ma anche dentro le generazioni. Una cesura importante è tuttavia la distanza tra giovani e adulti. La ricerca evidenzia questa distinzione: i primi socializzati al tempo di Internet e del mondo globale, i secondi impegnati nella difficile gestione della vita quotidiana.

Rispetto ai primi si rilevano differenze tra i più giovani, la generazione della Rete, ventenni cresciuti durante l'era digitale, e quella dei trentenni: la generazione del millennio. Questa è cresciuta con l'Europa, come valore e come speranza, ma è anche quella che più risente della crisi economica. La disoccupazione ne caratterizza il profilo. Se stanno terminando gli studi non prefigurano grandi prospettive. Ritengono di appartenere a una generazione con scarse opportunità (29%). Per questo si accomunano con le generazioni successive, per la disillusione nel futuro che vedono incerto e rischioso (55%). Si sentono i più soli nel panorama delle generazioni (39%).

I giovani della Rete, anche per l'età, non pensano ancora concretamente al futuro e allo sbocco lavorativo: vi ripongono però un certo entusiasmo (45% vs 29%). L'aspirazione a una carriera di successo è un riferimento importante e (ritenuto) possibile. Sono i più fiduciosi nell'Europa (47%) e nella globalizzazione (51%). È, inoltre, una generazione senza religione (7%). Ma aperta al mondo e cosciente di dover muoversi in un mercato globale. L'estero come luogo di lavoro è parte della loro prospettiva (70%).

Gli adulti, secondo l'indagine Demos-Coop, si distinguono in modo netto dalla generazione giovanile considerata nel suo assieme. Questo si rileva a partire dalla generazione della transizione, cioè i quarantenni, cresciuti tra la fine del blocco sovietico e l'allargamento a Est dell'UE. Sono i primi ad aver conosciuto e subito le conseguenze della crisi economica mondiale, con i riflessi su quantità e qualità del lavoro. Tra loro vi sono componenti scolarizzate e occupate, ma anche disoccupati con difficoltà nel ricollocarsi. Hanno perso il sogno della carriera di successo. Come le altre generazioni di adulti fanno osservare differenze negli orientamenti rispetto ai giovani: (s)fiducia nella globalizzazione 24% e nell'Europa 31%. Sono più incerti nel futuro, anche degli anziani (56% vs 44%).













NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da Demos & Pi e Coop. Sondaggio Demetra con metodo MIXED MODE (Cati - Cami - Cawi). Periodo 16-23 ottobre 2017.
Il campione (N=1309, rifiuti/sostituzioni/inviti: 9.805) è rappresentativo della popolazione italiana con 15 anni e oltre, per genere, età, titolo di studio e area, ed è stato ponderato in base alle variabili socio-demografiche (margine di errore 2.7 %).
L'indagine è stata diretta, in tutte le sue fasi, da Ilvo Diamanti. Luigi Ceccarini, Martina Di Pierdomenico e Ludovico Gardani hanno curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati.
I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Le classi generazionali sono state riprese dal report Istat, Le trasformazioni demografiche e sociali: una lettura per generazione (2016).
Documento completo su www.agcom.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240