demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
Le mappe di Ilvo Diamanti
ULTIME MAPPE
Italiani malati di calcio ma con l’effetto Sinner il tennis sbaraglia tutti gli altri sport
(8 aprile 2024)
vedi »
Gli italiani e i migranti “Preoccupano ancora ma non rubano il lavoro”
(18 marzo 2024)
vedi »
Le passioni degli italiani Cresce a sorpresa il tifo per la politica la Chiesa perde quota
(9 marzo 2024)
vedi »
Il “campo larghissimo” piace al centrosinistra ma non convince chi vota il Terzo Polo
(1 marzo 2024)
vedi »
LE MAPPE DI ILVO DIAMANTI

La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
IL “CAMPO LARGHISSIMO” PIACE AL CENTROSINISTRA MA NON CONVINCE CHI VOTA IL TERZO POLO
[La Repubblica, 1 marzo 2024]

Le elezioni in Sardegna hanno riportato l'attenzione sulla questione delle "alleanze". In una fase in cui prevalgono le "divisioni". Nelle coalizioni e nei partiti. Il successo di Alessandra Todde, deputata alla Camera per il Movimento 5 Stelle, ha riproposto l'idea del "campo largo", delineato dal PD per disegnare un'intesa "molto larga", tra le forze politiche dell'opposizione. Un'idea che, negli scorsi mesi, ha sollevato molte critiche e perplessità. Perché le differenze fra i programmi e gli interessi dei soggetti coinvolti sono significative.
Inoltre, riguardano partiti che si rivolgono a un elettorato in buona parte comune.
E, quindi, "concorrenti".

È, tuttavia, significativo che un progetto tanto discusso abbia favorito il successo di Alessandra Todde su Paolo Truzzu, il candidato del Centro-Destra. (Col)legato strettamente a Giorgia Meloni. Mentre la nuova Presidente della Regione fa riferimento al M5S e non al PD, che rimane il partito principale del "campo largo" del Centro-Sinistra. E, forse, una ragione del risultato è proprio questa. Perché il M5S, a livello nazionale, è vicino al PD, nelle stime elettorali recenti. Ma riassume ragioni politico-sociali "diverse". Nel segno, originario, della "diversità". Visto che si definiva un "non-partito". Mentre, da tempo, è divenuto "un partito". In grado, oggi, di fare eleggere un(a) Presidente di Regione. Com'è avvenuto in Sardegna.

Questo risultato riflette orientamenti c he hanno fatto crescere, nel "campo delle opposizioni" di Centro-Sinistra una domanda di unità, fino a divenire "abbastanza largo" da competere con il "campo della maggioranza". Costruito da Giorgia Meloni intorno alla propria leadership. Personale. Si tratta di una domanda che risultava ampia anche in precedenza. Come mostra un sondaggio condotto da Demos alcune settimane "prima" di queste elezioni, per rilevare il grado di consenso nel Centro-Sinistra verso le possibili alleanze fra i partiti "del campo".

Un primo aspetto che emerge, al proposito, è una "larga" attenzione degli elettori di Centro- Sinistra verso l'alleanza fra i partiti di opposizione. Anzitutto, Pd e M5s. Una prospettiva valutata positivamente dal 60% nella base del M5s e da una quota di poco superiore (62%) tra chi vota per il PD. È interessante come, in entrambi i casi, si osservi una crescita del consenso verso l'alleanza, rispetto a novembre 2022. Una data significativa,perché segue di poco la vittoria elettorale del Centro-Destra e l'avvio del governo guidato da Giorgia Meloni. E ciò suggerisce come l'esperienza degli ultimi due anni abbia rafforzato, tra le forze di opposizione, l'idea di un "campo" comune. Il "più largo possibile". In grado di essere competitivo. E magari vincente. Anche tra i partiti del Terzo Polo, secondo il sondaggio di Demos, il consenso verso l'intesa con il PD supera il 60%. Mentre appare più limitata - e in calo - l'ipotesi di "allargare" l'intesa al M5s. Perché, in un campo "troppo largo", il Terzo Polo occuperebbe uno spazio "troppo stretto". E, quindi, conterebbe fin "troppo poco".

Il "Campo largo" è, quindi, un progetto praticato con successo in Sardegna. Ma lascia apertealcune questioni significative. Fra le altre, due particolarmente importanti. La prima, già accennata, è la "larghezza" del Campo. Che, fin qui, si è tradotto principalmente, se non solamente, nel modello "giallo-rosso", attraverso il legame tra M5S e PD. Presto, però, il "Campo largo" verrà sperimentato in Abruzzo, dove si voterà il prossimo 10 marzo. La seconda questione riguarda la forma, di questo progetto. I programmi, l'organizzazione, i modelli di selezione della classe dirigente. In Sardegna, infatti, la sfida vincente è stata "guidata" da una leader del M5S.

Non è detto che il risultato si sarebbe ottenuto egualmente, a parti invertite. Inoltre, se si "allarga" lo sguardo al contesto nazionale, non è chiaro se i due soggetti politici condividerebbero programmi e obiettivi comuni nell'ambito della politica economica interna. E, a maggior ragione, internazionale.

Ma il problema più importante, in tempi di personalizzazione della politica, è il Capo. Come ha osservato l'Istituto Cattaneo, il risultato sardo è principalmente dovuto alla "capacità attrattiva personale della neo-presidente". Infatti, circa il 6% degli elettori non ha votato un partito, ma "solo" per Todde. Una quota che, nel caso di Truzzu, si riduce al 2%. Todde ha, inoltre, ottenuto il convinto sostegno del PD sardo e delle altre forze di Sinistra, in un clima segnato da "un eccesso di ottimismo e di conflitti interni nel Centro-Destra". Dove le tensioni fra la Lega e Fd'I sono evidenti. E crescenti.

Ma, se allarghiamo lo sguardo oltre i confini regionali, a livello nazionale, nel Centro-Sinistra chi è in grado di essere riconosciuto( a) come "Capo"? E di attrarre, intorno a sé un "Campo(davvero) largo"?

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240