demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Nord Est a favore della scuola pubblica
(7 novembre 2018)
vedi »
Il Nord Est sempre pił solidale con i colpiti dalle calamitą
(2 novembre 2018)
vedi »
Nord Est: cresce la voglia di chiudere i porti ai migranti
(24 ottobre 2018)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST A FAVORE DELLA SCUOLA PUBBLICA

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
SCUOLA PUBBLICA, UN PLEBISCITO. DA M5S E LEGA OK ALLA PRIVATA
[di Natascia Porcellato]

La scuola è uno degli snodi chiave per ogni società. Qui si formano i cittadini di domani. Qui si creano le competenze che segneranno il successo o il fallimento economico, politico e sociale delle future generazioni Qui si scoprono e si valorizzano le inclinazioni personali, permettendo ad ognuno di esprimersi al meglio. Chi può fare tutto questo? Il pubblico o il privato? Secondo i dati analizzati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, la risposta è, senza se e senza ma: il pubblico. L'85% degli intervistati, infatti, preferisce questa gestione per l'istruzione, mentre è una minoranza (14%) a guardare al privato.

Confrontando i dati odierni con il 2004, possiamo osservare la crescita (83%, +3 punti percentuali) di coloro che ritengono preferibile la gestione pubblica della scuola, mentre sostanzialmente stabile è la quota di popolazione che vorrebbe una presenza privata (13%, -1 punto percentuale): sono scesi, infatti, coloro che non si esprimono, scendendo dal 5% registrato nel 2004 all'attuale 1%.

Guardando ai diversi settori, il primo dato che possiamo osservare è un'assoluta trasversalità nella preferenza pubblica dell'istruzione: in nessun caso, infatti, scende sotto il 74%. Consideriamo più specificatamente la categoria socio-professionale. Gli studenti mostrano la propensione più ampia alla gestione pubblica (90%). Intorno alla media dell'area, invece, si collocano disoccupati (88%) e liberi professionisti (87%), oltre a operai, impiegati e pensionati (tutti 86%). La quota di favore alla gestione pubblica tende a scendere tra imprenditori (80%) e casalinghe (74%); e sempre tra questi, per converso, registriamo il sostegno più esteso al privato (rispettivamente, 20 e 26%).

Consideriamo, infine, l'influenza della politica. Anche in questo caso, colpisce la trasversalità del sostegno alla gestione pubblica della scuola a discapito di quella privata. Gli elettori di entrambi i partiti che sostengono l'attuale esecutivo guidato da Giuseppe Conte, Lega e Movimento 5 Stelle, sono concordi nel sostegno alla scuola pubblica (ambedue 79%), mentre quella privata trova la preferenza del 21% dei leghisti e del 20% dei pentastellati. Dei valori del tutto assimilabili sono rintracciabili tra chi guarda alla formazione di Giorgia Meloni: anche i sostenitori di Fratelli d'Italia preferiscono la scuola pubblica (80%) rispetto a quella privata (20%). Tra quelli di Forza Italia, invece, tende a salire il favore verso la gestione pubblica (84%) piuttosto che quella privata, ferma al 13%. È nell'area più a sinistra dell'offerta politica attuale, però, che possiamo osservare una quasi unanimità di consensi verso la gestione pubblica. Tra gli elettori del Partito democratico (91%) e di +Europa-Centro Democratico (94%), infatti, i valori si attestano rispettivamente al 91 e 94%. Tuttavia, dei valori non dissimili sono espressi anche da chi guarda ai partiti minori (92%) o si rifugia nella zona grigia dell'incertezza e della reticenza (91%).


NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 3-5 settembre 2018 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI e CAWI da Demetra. Il campione, di 1016 persone (rifiuti/sostituzioni: 5850), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 15 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.10% con CAWI) ed è stato ponderato in base alle variabili socio-demografiche. I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione dell'indagine CATI-CAMI-CAWI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240