demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
In Veneto cresce il consenso di Zaia
(21 novembre 2018)
vedi »
Europa e legge di bilancio
(14 novembre 2018)
vedi »
Nord Est a favore della scuola pubblica
(7 novembre 2018)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IN VENETO CRESCE IL CONSENSO DI ZAIA

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
UN PLEBISCITO PER ZAIA: IL CONSENSO SALE AL 76%. M5S BOCCIATI DAI VENETI
[di Natascia Porcellato]

Luca Zaia sempre più riferimento condiviso in Veneto: questa sembra essere l'indicazione che emerge dai dati pubblicati oggi all'interno dell'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino. Secondo le analisi di Demos, infatti, il Governatore, con il 76% dei giudizi positivi, è la personalità più apprezzata. Lo seguono i vertici del Governo gialloverde: il Vicepremier Salvini (71%), il Presidente del Consiglio Conte (62%) e l'altro Vice, Di Maio (50%). Sotto la soglia della maggioranza assoluta si collocano l'ex Capo del Governo Gentiloni (40%), il Sottosegretario Bitonci (32%) e il fondatore di Forza Italia Berlusconi (30%). Chiudono, infine, il Ministro Fraccaro (27%) e l'attuale Segretario del Pd Martina (22%), che supera sia l'ispiratore politico del M5s Grillo (21%) che il suo stesso predecessore Renzi (18%).

Guardando all'andamento rispetto al settembre scorso, in un quadro di sostanziale stabilità, emergono alcuni cambiamenti importanti. Mentre Salvini, Gentiloni, Berlusconi, Fraccaro, Martina e Renzi non mostrano variazioni significative, diminuisce il gradimento riservato a Giuseppe Conte (-4 punti percentuali), ma ancor di più quello verso Luigi Di Maio e Beppe Grillo (entrambi -11 punti percentuali).

Ad aumentare, e in maniera consistente, è solo il gradimento riservato a Luca Zaia: il saldo che l'ha portato all'attuale 76% è positivo di 7 punti percentuali. D'altra parte, da settembre ad oggi, la Regione ha vissuto giorni molto difficili, soprattutto legati ai devastanti effetti del maltempo durante il Ponte di Ognissanti. In questa occasione, il Governatore si è messo al centro del coordinamento e della gestione della crisi: operativo h24, con l'eterno giubbotto della Protezione Civile. In quei giorni terribili, Zaia ha condotto i suoi territori attraverso un sapiente mix di decisione e azione, informazione e comunicazione. Si è poi fatto interprete del grido di dolore del bellunese, devastato ma ignorato dai media nazionali in favore di altre zone del Paese, richiamando l'attenzione su quelle montagne. Si è fatto promotore e garante di una raccolta-fondi dedicata, attraverso un conto corrente regionale.

A partire da quei giorni, il Governatore è diventato (ancor di più) solo Luca Zaia: l'uomo a cui i veneti guardano oltre ogni steccato ideologico. Tra gli elettori della Lega, il gradimento è (quasi) unanime: 92%; ma raggiunge il 77% tra i sostenitori di Forza Italia e il 66% tra quelli del M5s; arriva al 58% tra chi guarda al Pd e al 52% tra coloro che si rivolgono ai partiti minori; anche nell'area grigia dell'incertezza e della reticenza raccoglie il 72%.

In quei giorni, inoltre, Zaia è tornato a chiedere l'autonomia per il Veneto. A poco più di un anno dal Referendum del 22 ottobre 2017, le attese dei veneti non sono migliorate. Ora come allora, quasi uno su due (47%) pensa che l'Italia non darà mai l'autonomia al Veneto. Però, anche in questo caso, l'idea è che l'unico che ci sta davvero lavorando sia sempre lui: Luca Zaia (61%). E lo pensano tutti: dagli elettori del Pd (52%) a quelli del M5s (56%), dai sostenitori di Forza Italia (62%) a quelli della Lega (74%).

Una Regione che si identifica così tanto in un uomo non può immaginare di perderlo: così, i veneti non sembrano disponibili a vederlo partire per Roma (10%) o Bruxelles (11%). E non importa che siano elettori democratici (65%) o grillini (71%), leghisti (70%) o forzisti (67%): qui i veneti (66%) si compattano nel dire che il futuro di Luca Zaia è in Veneto. Perché lui, oggi, è il Veneto.






NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 5-7 novembre 2018 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI e river sampling su social media da Demetra. Il campione, di 1005 persone (rifiuti/sostituzioni: 5695), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 15 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.09% con CAWI) ed è stato ponderato in base alle variabili socio-demografiche. I valori sono calcolati sul sottocampione rappresentativo della regione Veneto (base casi: 556).
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.sondaggipoliticoelettorali.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240