demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Gli adulti si preoccupano meno di un tempo del futuro dei giovani
(24 maggio 2023)
vedi »
Nel Nord Est il dialetto ancora vivo
(10 maggio 2023)
vedi »
Nord Est e lavoro
(3 maggio 2023)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST E USO DELLE ARMI PER DIFESA PERSONALE

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
USARE ARMI CONTRO I LADRI? PER DUE SU TRE SI PUÒ FARE
[di Natascia Porcellato]

Sarà perché ognuno, se non l'ha subito in prima persona, conosce almeno una persona a cui è capitato. O forse è perché viola uno spazio sacro, quello che più di ogni altro ci fa sentire al sicuro. Qualunque sia il motivo, quello dei furti e delle rapine in casa è uno dei fenomeni che più inquieta la popolazione. Così, forse, si può meglio inquadrare il (largo, 66%) consenso che, secondo l'ultima indagine di Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, viene tributato all'idea che "se una persona trova dei ladri in casa ha sempre il diritto di difendersi anche usando delle armi".

Tra furti (18.199) e rapine (167), secondo l'Istat nel 2021 le denunce legate alla violazione di case da parte di malviventi sono state in Veneto, Friuli-Venezia Giulia e in provincia di Trento 18.366. A inquietare maggiormente, però, è il numero di questi reati rimasti senza colpevole: 17.635, il 96%. Ed è proprio questo dato, forse, a spingere all'idea che "bisogna fare da soli", anche ricorrendo ad armi. Così appare più comprensibile il persistente sostegno a questa posizione, che ha oscillato, tra il 2018 e il 2023, tra il 71 e l'attuale 66%.

Ma come si caratterizza dal punto di vista sociale questa posizione? Il primo fattore da mettere in luce è una certa trasversalità: l'idea che sia sempre legittimo difendersi in casa, anche con armi, infatti, raggiunge e supera (quasi) sempre la soglia della maggioranza assoluta. Tuttavia, alcuni tratti possono essere delineati.

Se consideriamo il fattore anagrafico, vediamo che il favore più ampio verso questa posizione è osservabile tra le persone tra i 25 e i 54 anni (71-76%), si mantiene poco sotto alla media dell'area tra i giovani (63%) e gli adulti (62%), mentre scende al 55% tra quanti hanno oltre 65 anni (55%). Il genere rivela un'adesione maggiore degli uomini (72%) più che delle donne (61%), mentre guardando all'istruzione osserviamo un'approvazione più intensa tra chi ha un livello medio (72%) rispetto a chi ha ne ha uno basso (62%) o alto (63%). Dal punto di vista socioprofessionale, poi, emerge un sostegno più consistente tra imprenditori (84%) e operai (73%), mentre intorno alla media dell'area si raccolgono impiegati (67%), casalinghe (66%) e disoccupati (69%). Meno inclini a condividere questa posizione, invece, sembrano essere liberi professionisti (53%), studenti (58%) e pensionati (59%).

Vediamo, infine, il fattore politico, e qui, comprensibilmente, le divisioni si fanno più marcate. L'adesione più ampia all'idea che una persona abbia il diritto di difendersi dai ladri in casa anche con armi proviene dagli elettori di Forza Italia (71%) e Lega (77%), anche se il valore più alto è rintracciabile tra i sostenitori di Fratelli d'Italia (80%). Un dato inferiore alla media dell'area, ma comunque al di sopra della soglia della maggioranza assoluta, è presente tra chi guarda al M5s (57%) o ad Azione-Italia Viva (58%), mentre al di sotto di entrambe queste soglie si collocano gli elettori del Partito Democratico (44%) o quanti si rivolgono ai partiti minori (46%).



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 24 e il 27 gennaio 2023 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1003 persone (rifiuti/sostituzioni: 3572), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240