demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Gli adulti si preoccupano meno di un tempo del futuro dei giovani
(24 maggio 2023)
vedi »
Nel Nord Est il dialetto Ŕ ancora vivo
(10 maggio 2023)
vedi »
Nord Est e lavoro
(3 maggio 2023)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST - LA SOLIDARIET└ FRA GENERAZIONI ╚ MENO FORTE

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
SOLIDARIETÀ: IL "NO" DEI GIOVANI A PAGARE PENSIONI E ASSISTENZA
[di Natascia Porcellato]

"Non è giusto che i giovani paghino contributi per sostenere le pensioni e l'assistenza delle persone anziane, visto che in futuro rischiano di ricevere pensioni e assistenza molto più basse": a questa -volutamente provocatoria- affermazione aderisce il 39% dei nordestini. Come è cambiata nel corso del tempo la popolarità di questa posizione? Per comprenderlo, vediamo la serie storica dell'Osservatorio sul Nord Est di Demos.

Nel 1998, l'idea che i giovani dovessero rompere il patto generazionale era condivisa dal 22% degli intervistati, quota che nel 2003 sale, raggiungendo il 28%. A ridosso della crisi mondiale innescata dal fallimento di Lehmann Brothers, si acuisce la crisi tra generazioni e schizza in alto l'adesione all'idea che i giovani non debbano pagare contributi per servizi che difficilmente avranno in futuro: il valore raggiunge il 35% nel 2010, sale al 41%% l'anno successivo, anche se la popolarità massima (44%) la possiamo osservare nel 2016. Due anni dopo, il clima sembra raffreddarsi, e il valore si attesta al 39%. La pandemia, e soprattutto la solidarietà che si è sviluppata nel primo anno di emergenza, sembra spingere verso la solidarietà tra generazioni, e il valore scende bruscamente al 29%. Oggi, l'aumento di 10 punti percentuali riporta il consenso al 39%, lo stesso valore di 5 anni fa.

È in discussione la tenuta del patto generazionale che lega le comunità? Guardando le variazioni per età, sembra di sì. L'idea che i giovani non debbano sostenere pensioni e assistenza agli anziani dato che in futuro rischiano di avere trattamenti meno generosi trova un'accoglienza tiepida tra over-65 (23%) e adulti (34%), mentre un valore sostanzialmente in linea con la media dell'area è osservabile tra quanti hanno tra i 45 e i 54 anni (36%). Un'adesione più ampia è rintracciabile tra le persone di età centrale (35-44 anni, 44%), ma quella maggiore -e nettamente superiore al 50%- la possiamo osservare tra coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni (62%) o gli under-25 (74%).

Consideriamo, infine, l'influenza della categoria socioprofessionale. Coerentemente con l'analisi per età, vediamo che il consenso più ampio verso l'idea che i giovani debbano oggi sottrarsi alla responsabilità di sostenere pensioni e assistenza agli anziani proviene dagli studenti (66%), ma valori consistenti sono rintracciabili anche tra operai (45%) e impiegati (43%), imprenditori (56%) e liberi professionisti (50%). Intorno alla media dell'area, invece, si fermano casalinghe (39%) e disoccupati (40%), mentre i più lontani da questa posizione sembrano essere proprio i pensionati (22%).

Al di là delle opinioni, su questi temi l'ultimo avvertimento è arrivato qualche settimana fa, alla presentazione del Rapporto Itinerari Previdenziali 2023. L'analisi su pensioni e assistenza ha messo in luce che, mentre il sistema pensionistico sembra essere in (precario) equilibrio grazie alla Legge Fornero, l'assistenza si configura come il "tallone d'Achille" nazionale. Ridisegnare il sistema di welfare nazionale in maniera coerente e innovativa, dunque, è tra le priorità del Paese: per la tenuta sociale e generazionale, oltre che dei conti pubblici, si gioca qui.



NOTA INFORMATIVA
L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 3 e il 10 marzo 2023 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1.006 persone (rifiuti/sostituzioni: 4.411), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240