demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Nord Est favorevole all'eutanasia legalizzata.
(29 novembre 2023)
vedi »
Il rapporto fra Regione e Stato
(22 novembre 2023)
vedi »
Nord Est favorevole alla liberalizzazione delle licenze di taxi
(15 novembre 2023)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST: I SERVIZI SANITARI SONO PEGGIORATI

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
SANITÀ A NORD EST: DOPO IL COVID SERVIZI PEGGIORATI PER 6 SU DIECI
[di Natascia Porcellato]

La sanità si conferma un nodo particolarmente sensibile per l'opinione pubblica di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della Provincia di Trento. Secondo i dati di Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, la quota di intervistati che ritiene i servizi sanitari migliorati negli ultimi 2 anni si ferma all'8%, mentre il 34% li giudica sostanzialmente invariati. La maggioranza assoluta (58%), però, è insoddisfatta e li bolla come peggiorati.

Eppure, secondo il 6° rapporto della Fondazione Gimbe su dati del Ministero della Salute, tutte e tre le realtà nordestine si collocano tra le "adempienti" rispetto ai Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). La Provincia di Trento è 3° nella classifica generale con 268,4 punti, il Veneto occupa il 5° posto (264,9 punti) mentre il Friuli-Venezia Giulia, con 243 punti, si ferma in 9° posizione. Più nel dettaglio, osserviamo che in Provincia di Trento le migliori performance sono sul fronte ospedaliero (96,52 punti), in Veneto si concentrano nel settore distrettuale (95,6 punti), e in Friuli-Venezia Giulia le ritroviamo soprattutto nell'area della prevenzione (85,32 punti).

Tutto questo, però, evidentemente non basta: l'idea che i servizi sanitari negli ultimi due anni siano peggiorati accomuna la maggioranza dei nordestini, che vivano in Provincia di Trento (62%), Veneto (56%) o Friuli-Venezia Giulia (60%).

Delle indicazioni interessanti emergono guardando al fattore anagrafico. Tra gli under-25 tende a prevalere l'idea che la sanità sia invariata (47%), più che peggiorata (43%), mentre tra coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni le due componenti si equivalgono (entrambe 47%). L'opinione che i servizi sanitari siano peggiorati, invece, si fa (nettamente) maggioritaria tra adulti e anziani: la pensa in questo modo il 60% delle persone di età centrale, il 55% di coloro che hanno tra i 45 e i 54 anni e il 59% degli over-65, anche se il valore più ampio (75%) è riscontrabile tra quanti hanno tra i 55 e i 64 anni.

Osserviamo, infine, il fattore politico: in questo caso, a colpire è una certa trasversalità dell'opinione (pur con un -importante- distinguo). L'idea che negli ultimi due anni i servizi sanitari siano peggiorati mette insieme gli elettori del Partito Democratico e di Forza Italia (entrambe 57%), quelli di Fratelli d'Italia (58%) e del Movimento 5 Stelle (57%), i sostenitori dei partiti minori (58%) e quanti appaiono incerti e reticenti (63%). Un'eccezione sembrano farla quanti voterebbero per la Lega: tra loro, infatti, la componente che ritiene i servizi sanitari peggiorati si ferma al 40%, mentre tende a farsi più ampia la componente che ritiene i servizi sanitari invariati (39%) o migliorati (21%).

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza destina alla Missione Salute 15,63 miliardi che, uniti alle altre somme a disposizione nello stesso capitolo, porta a quasi 20 l'investimento totale da fare in questo settore entro il 2026. Gli obiettivi mirano ad avere una sanità vicina e prossima alle persone, più sicura, equa e sostenibile: a 45 anni dall'istituzione del Servizio Sanitario Nazionale, un'occasione da non sprecare, per non mettere in discussione il fondamento del patto sociale tra Stato, Regioni e cittadini.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 4 e l'8 settembre 2023 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1006 persone (rifiuti/sostituzioni: 4331), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240