demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE

GLI ITALIANI E LO STATO

Rapporto annuale sugli atteggiamenti degli italiani nei confronti delle istituzioni e della politica. Realizzato su incarico del Gruppo L'Espresso, è giunto alla tredicesima edizione.

OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE
Osservatorio nazionale a cadenza trimestrale in collaborazione con Coop (Ass. Naz.le cooperative di consumatori). Senso civico, altruismo, solidarietà e altri comportamenti riconducibili al concetto di "capitale sociale".

IL MONDO A NORDEST

Analisi che fotografano un'area divenuta il simbolo delle profonde trasformazioni che attraversano la società settentrionale e italiana.

MONITOR ITALIA

Studi sulle tendenze sociali e politiche della società italiana. Un costante monitoraggio sull'opinione pubblica e sulle dinamiche politico-elettorali.

LE INDAGINI EUROPEE

Rapporti periodici sui temi dell'immigrazione, della cittadinanza, della partecipazione, osservati da una prospettiva continentale, nell'ambito del processo di costruzione dell'Ue.
continua continua continua continua continua
Le mappe di Ilvo Diamanti
La geografia degli orientamenti culturali, sociali e politici degli italiani, tracciata dagli articoli di Ilvo Diamanti per La Repubblica.
continua
I sondaggi realizzati per il programma RAI Visionari
29 novembre 2021
Mappe - Ragazzi senza speranza, la generazione sospesa vede il futuro all’estero
Il futuro, per i giovani, sarà difficile, in Italia. Peggiore rispetto ai loro genitori. Si tratta di una percezione diffusa, fra i cittadini. Anche fra i giovani. Il sondaggio condotto da Demos nelle ultime settimane, mostra infatti come oltre i due terzi dei cittadini ritengano che "nel prossimo futuro i giovani avranno una posizione sociale peggiore rispetto a quella dei genitori". Un'opinione maturata da tempo che, negli ultimi anni, si è consolidata.

»Tabelle
24 novembre 2021
Numero chiuso per i turisti a Venezia? Sì ma gratis
La notizia è arrivata a fine agosto e ha fatto molto scalpore: la Giunta di Venezia ha deciso di introdurre, a partire dal 2022, un accesso limitato, su prenotazione e a pagamento, per visitare la città. Cosa pensano i veneti di questo provvedimento? Guardando i dati raccolti da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, vediamo che il 64% si dichiara d'accordo con Brugnaro, sottolineando la delicatezza della città e la necessità di tutelarla. Ad esprimersi in maniera contraria, invece, è il 36%, ritenendo la decisione troppo penalizzante per un settore, quello turistico, già duramente danneggiato dalla pandemia.
22 novembre 2021
l Colle gli italiani vorrebbero Draghi Resta alta la fiducia in Mattarella
Sergio Mattarella si approssima alla conclusione del mandato presidenziale, che avverrà il prossimo febbraio 2022. Quando sarà eletto il suo successore. Una scadenza che solleva un dibattito acceso, negli ambienti politici. Assai più che fra i cittadini. Per quanto negli ultimi mesi l'attenzione verso questo evento sia cresciuta sensibilmente. Interrogati su chi vorrebbero come "nuovo Presidente della Repubblica", infatti, oltre 4 italiani su 10 interpellati da Demos per Repubblica, nelle scorse settimane, non sanno o non vogliono rispondere. Si tratta di una componente minore, rispetto agli ultimi mesi, ma ancora estesa.

»Tabelle
17 novembre 2021
I Veneti sul Mose: non basta.
L'ultima "acqua granda" è del 12 novembre del 2019 ed è di 187 centimetri: la misura della paura e della distruzione che ha invaso Venezia, allagandola ben oltre i livelli a cui la città è abituata e associata nell'immaginario collettivo. Un anno dopo, viene messo in funzione il MOSE, il sistema di dighe mobili poste a protezione della laguna e della città dei dogi. Qual è il giudizio dei veneti su quest'opera? Secondo i dati raccolti da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est, il 35% la ritiene fondamentale per la sopravvivenza di Venezia e delle isole della laguna, mentre, all'opposto, è il 16% a giudicarla inutile. La maggioranza (relativa, 49%), però, pensa che il MOSE, pur facendo qualcosa, non risolve il problema.
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240