demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
A Nord Est ancora bassa la percezione di presenza della mafia
(13 dicembre 2017)
vedi »
Il Veneto e la richiesta di autonomia
(5 dicembre 2017)
vedi »
Nord Est: i femminicidi e l'enfasi dei mass media
(29 novembre 2017)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL VENETO VUOLE L'AUTONOMIA

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
VENETO, OBIETTIVO AUTONOMIA: IN 6 SU 10 PER LO STATUTO SPECIALE
[di Natascia Porcellato]

I veneti dicono indipendenza: ma cosa intendono? Secondo i dati raccolti da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino, la maggioranza pensa al modello delle Regioni autonome (59%), mentre uno su quattro (25%) guarda all'assetto federale dello Stato. Solo una minoranza (8%) pensa alla secessione del Veneto in uno Stato diverso e distaccato da quello italiano. In questo contesto, il referendum sull'autonomia che il Governatore Zaia ha annunciato di voler sottoporre agli elettori veneti trova terreno fertile: poco meno di sette intervistati su dieci (69%), infatti, sostengono la richiesta di autonomia, mentre è una minoranza (20%) a preferire la condizione attuale.

La voglia di autonomia attraversa il Veneto: è (anche) sulla scorta di questo sentimento, oltre alla progressiva incapacità della classe dirigente democristiana di rappresentarlo, che il voto alla Liga Veneta prima, e alla Lega Nord dopo, è divenuto così popolare. Oltre vent'anni di ininterrotto Governo regionale e diverse legislature al Governo nazionale, però, non sono bastati alla classe dirigente leghista per fare significativi passi avanti: così, il tema rimane lì, sempre attuale proprio in quanto largamente inattuato.
Non stupisce, quindi, che il 69% dei veneti si dichiari a favore del referendum che il Governatore Luca Zaia ha annunciato di voler indire per sostenere la trattativa della Regione al tavolo con lo Stato: forse il primo segnale di concreto lavoro sul tema. Piuttosto contenuta (20%), invece, appare la contrarietà, mentre non è trascurabile la quota di intervistati che sull'argomento non si esprime (11%).

D'altra parte, quasi sei veneti su dieci (59%) quando parlano di indipendenza pensano proprio ad uno statuto di autonomia regionale come quello del Trentino-Alto Adige e, se guardiamo ai tratti sociali, vediamo come questo orientamento si mantenga maggioritario e trasversale in tutti i settori considerati. Tuttavia, sono soprattutto le persone di età centrale (35-44 anni, 66%) e gli adulti tra i 55 e i 64 anni (65%) a mostrare il favore più consistente. I valori si mantengono intorno alla media dell'area tra coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni (61%), mentre tendono a scendere tra giovani, anziani (entrambi 54%) e tra quanti hanno tra i 45 e i 54 anni (55%). Considerando il livello di istruzione, poi, vediamo che l'adesione a questo concetto di indipendenza si attesta al 52% tra quanti sono in possesso della licenza elementare, sale al 65% tra coloro che hanno conseguito la licenza media e si assetta intorno al 57% tra chi è in possesso di un diploma o una laurea. Considerando, poi, la categoria socio-professionale, vediamo che l'appoggio più esteso è rintracciabile tra imprenditori (69%) e operai (62%), oltre che tra i disoccupati e i pensionati (entrambi 63%). Intorno alla media dell'area, invece, appare il valore registrato tra impiegati (59%). Meno ampio, ma sempre consistente, il favore rilevato tra liberi professionisti (55%), studenti (54%) e casalinghe (53%).

Consideriamo, infine, la dimensione politica. Gli elettori di Forza Italia (65%) e dei partiti minori (80%) sembrano essere quelli in cui ci sono minori dubbi: indipendenza è essere una Regione autonoma. Anche la maggioranza dei sostenitori del Partito Democratico e Movimento 5 Stelle (60-63%) pensa alla stessa cosa, ma tra di loro tende a crescere anche la quota di chi invece pensa alla secessione del Veneto (12-14%). L'elettorato maggiormente diviso, però, appare quello della Lega Nord: se il 57% quando parla di indipendenza si riferisce all'autonomia regionale, il 40%, invece, aspira alla creazione di uno Stato federale.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 9-11 gennaio 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1011 persone (rifiuti/sostituzioni: 10374), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.08%). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione dell'indagine CATI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240