demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Focus sullo stress
(15 maggio 2024)
vedi »
Triveneto: la sanità pubblica soddisfa una minoranza
(8 maggio 2024)
vedi »
Nord Est: 6 su 10 vorrebbero cambiare lavoro
(1 maggio 2024)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - L'IMMIGRAZIONE È UNA RISORSA PER L'ECONOMIA?

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
IMMIGRATI, SOLO PER 4 SU 10 RAPPRESENTANO UNA RISORSA
[di Natascia Porcellato]

"Gli immigrati sono una risorsa per la nostra economia"? In Provincia di Trento, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, il tema appare piuttosto controverso. Guardando ai dati analizzati da Demos per Il Gazzettino, vediamo che oggi sono poco più di 4 su dieci (41%) i nordestini che aderiscono all'affermazione proposta. Grazie alla serie storica dell'Osservatorio sul Nord Est, inoltre, possiamo vedere come questo valore sia uno dei più alti mai registrati dal 1999.

Ma come cambia questo orientamento nei settori sociali? Dal punto di vista anagrafico, sono soprattutto i più giovani a mostrare l'apertura maggiore: il consenso si attesta al 49% tra quanti hanno tra i 25 e i 34 anni, ma raggiunge la quota record del 78% tra gli under-25. Intorno alla media dell'area, inoltre, si assiepano le persone tra i 35 e i 44 anni (41%), quanti hanno tra i 45 e i 54 anni (39%) e gli adulti (55-64 anni, 40%), mentre scende al 30% tra gli anziani.
Guardando alla categoria socioprofessionale, poi, possiamo rilevare ulteriori indicazioni. A conferma di quanto appena osservato, vediamo che l'idea che gli immigrati siano una risorsa per l'economia tocca la sua massima popolarità tra gli studenti (77%, ma il valore supera la maggioranza assoluta anche tra i liberi professionisti, 66%). Al di sopra della media dell'area, però, troviamo anche gli impiegati (45%), mentre intorno a questo valore si attestano lavoratori autonomi (40%) e disoccupati (41%). Operai e pensionati, infatti, sembrano essere i settori più lontani (entrambi 36%), insieme alle casalinghe (26%).

Veniamo infine all'analisi in base all'orientamento politico: la visione del fenomeno migratorio, infatti, costituisce una delle principali fratture su cui si contrappongono i partiti, e i dati confermano questa attitudine. Tra i sostenitori delle formazioni attualmente all'opposizione, l'idea che gli immigrati siano una risorsa per l'economia appare nettamente più alta: i valori raggiungono infatti il 67% tra chi guarda al Movimento 5 Stelle, il 77% tra quanti sono vicini a un partito minore e il 90% tra gli elettori Partito Democratico. Di segno opposto, invece, appare l'orientamento di chi voterebbe per uno dei principali partiti alla guida del Paese: in questo caso, la percentuale si ferma intorno alla media dell'area solo tra i sostenitori di Forza Italia (42%), mentre si inabissa rispettivamente al 14 e 16% tra quelli di Lega e Fratelli d'Italia.

Nelle scorse settimane, si sono tenuti i click day previsti dal Decreto Flussi 2024, e i numeri sono spietati. 151mila posti previsti, 690mila domande presentate: sarà soddisfatto il 22% dei fabbisogni delle aziende italiane.

Sabato prossimo, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sarà con il Presidente di Confindustria Alto Adriatico, Michelangelo Agrusti, in Ghana, a inaugurare e visitare la Scuola voluta e costruita dall'Associazione che riunisce gli imprenditori di Pordenone, Gorizia e Trieste per formare giovani ghanesi disposti a trasferirsi in Friuli-Venezia Giulia a lavorare.

Ed è nelle pieghe di questi due fatti di cronaca tutta la drammatica distanza tra Palazzo e Fabbrica. E tra Comizio e Realtà.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 18 e il 22 marzo 2024 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1.000 persone (rifiuti/sostituzioni: 3.553), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,10% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240