demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Nord Est e il dialetto
(25 luglio 2017)
vedi »
Il Nord Est e il rapporto "laico" con la religione.
(18 luglio 2017)
vedi »
Smartphone e tablet sempre pił "indispensabili" anche a Nord Est
(11 luglio 2017)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - SMARTPHONE E TABLET SEMPRE PIŁ "INDISPENSABILI" ANCHE A NORD EST

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
SMARTPHONE INDISPENSABILE: «NON POTREI PIÙ VIVERE SENZA»
[di Natascia Porcellato]

L'irresistibile ascesa di smartphone e tablet non si arresta. Secondo i dati raccolti da Demos per Il Gazzettino e pubblicati oggi all'interno dell'Osservatorio sul Nord Est, il 64% dei nordestini con più di 14 anni ne possiede uno e la crescita rispetto al 2014 è di 12 punti percentuali. Per chi lo possiede, è difficile immaginare di tornare indietro. "Ho bisogno dal mio smartphone o tablet: oggi non potrei più vivere senza o con un telefono normale": con questa opinione si dichiara moltissimo o molto d'accordo il 37% dei possessori (+8 punti percentuali rispetto al 2014).

Tablet e -soprattutto- smartphone si sono insinuati nella vita di ogni giorno cambiandola radicalmente. Avere a disposizione uno strumento come questo, infatti, ha abbattuto confini e tempi. Si può controllare la posta elettronica in ogni momento. Si possono fare videochiamate in tempo reale con persone in tutto il mondo. Si possono reperire informazioni prima difficilmente raggiungibili. Si possono fare acquisti in ogni momento. Appare comprensibile, dunque, il loro rapido diffondersi e il fatto che questi vengano vissuti come oggetti necessari alla vita odierna.

Esaminando la serie storica di Demos, infatti, possiamo osservare la forte crescita che hanno conosciuto smartphone e tablet. Nel 2014 era il 42% a possederli, l'anno successivo la quota era salita al 53%, si era poi assestata al 56% nel 2016 per arrivare oggi al 64%.

Guardando ai settori sociali, però, emergono delle fratture che dividono la popolazione in modo piuttosto netto. Anagraficamente, vediamo che la diffusione di smartphone e tablet è sostanzialmente universale tra i più giovani (97%); la loro presenza è molto ampia anche tra le persone tra i 25 e i 44 anni (79-83%); scende poi al 66% tra quanti hanno tra i 45 e i 54 anni e si riduce ulteriormente al 52% tra gli adulti tra i 55 e i 64 anni. Ma è tra gli over-65 che il possesso crolla drasticamente, scendendo al 25%. Guardando al genere, invece, vediamo che sono soprattutto gli uomini (69%) più che donne (60%) a disporre di questi strumenti. Se consideriamo il fattore istruzione, poi, osserviamo che l'utilizzo di smartphone e tablet raggiunge il 90% tra coloro che sono in possesso di un diploma o una laurea. La quota si ferma intorno alla media dell'area tra quanti hanno conseguito la licenza media (65%), ma crolla al 21% tra quanti hanno quella elementare. Guardando alle categorie socio-professionali, inoltre, vediamo che sono soprattutto studenti (98%), impiegati (92%), liberi professionisti (89%) e operai (75%) a possedere smartphone e tablet. Sostanzialmente in linea con la media dell'area invece è la presenza tra imprenditori (62%) e disoccupati (63%). Tra casalinghe (48%) e pensionati (30%), invece, è meno frequente incontrare possessori di smartphone e tablet.

Tornare indietro è possibile? Si possono abbandonare smartphone e tablet o sono indispensabili? Con l'aumento della presenza nella vita di tutti i giorni, nei possessori è cresciuta anche l'idea che tornare indietro sia impossibile. Nel 2014, il 29% ammetteva di non poter vivere senza: oggi la percentuale arriva al 37%. A sostenerlo sono soprattutto gli under-44 (con valori compresi tra il 42 e il 54%), le donne (43%) e quanti hanno conseguito un livello di istruzione alto (43%). Professionalmente, invece, sono i liberi professionisti (48%) e le casalinghe (43%), gli impiegati (42%) e gli studenti (41%) a ritenere smartphone e tablet irrinunciabili al giorno d'oggi.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 3-6 aprile 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1120 persone (rifiuti/sostituzioni: 7815), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 2.93 %). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione dell'indagine CATI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240