demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Il Nord Est giudica la manovra economica
(4 dicembre 2019)
vedi »
Maltempo novembrino in Veneto - sondaggio
(27 novembre 2019)
vedi »
Nord Est: cresce la fiducia nei vaccini
(20 novembre 2019)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - AUTONOMIA DEL VENETO: I VENETI CI CREDONO UN PO' MENO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
AUTONOMIA PIÙ DIFFICILE, MA I VENETI LA VOGLIONO
[di Natascia Porcellato]

Autonomia più difficile, secondo i veneti: l'ottimismo che li caratterizzava al momento dell'insediamento del Governo Conte I sembra essere svanito con il Conte II. Secondo i dati analizzati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est, l'81% dei veneti intervistati pensa che con il nuovo esecutivo sarà più difficile avere l'autonomia, mentre è una netta minoranza (12%) a vedere una strada più in discesa. Quindici mesi fa, la prospettiva era rovesciata: il 62% immaginava una via più semplice, mentre i pessimisti erano il 27%.

A non essere cambiato è il sostegno dell'opinione pubblica all'istanza autonomista suggellata dai risultati del Referendum consultivo del 22 ottobre 2017. Il favore è sempre molto ampio: riguarda tre veneti su quattro (75%), ed è stabile rispetto al valore osservato nel marzo scorso. Interessante, inoltre, è che il sostegno verso la richiesta di autonomia della regione sia politicamente trasversale e riguardi la maggioranza di tutti gli elettorati. L'adesione, infatti, è pressoché totale tra i sostenitori di Lega (92%) e FdI (99%), si colloca intorno alla media per quelli di Forza Italia (77%), raccoglie il 61% degli elettori del M5s e il 53% di quelli del Pd.

Ma se il Governo non concedesse l'autonomia al Veneto, cosa bisognerebbe fare? La maggioranza relativa degli intervistati (45%, in linea con il valore del marzo scorso) chiedere di insistere sulla via istituzionale e di rilanciarla in Parlamento, ma cresce (22%, +5 punti percentuali rispetto sei mesi fa) la quota di chi pensa che il Veneto dovrebbe imporla attraverso forti azioni di protesta sociale e politica. L'ipotesi più estrema, quella indipendentista, perde terreno, scendendo dal 13% al 7%, mentre non cambia (19%) la componente disposta ad arrendersi senza fare nulla. Gli elettori di Forza Italia non si discostano dai valori medi appena visti, mentre quelli di FdI si dividono tra chi insiste per la via parlamentare (49%) e chi privilegia le azioni di protesta (42%). Gli elettori della Lega, invece, oltre a rilanciare la questione alla Camera e al Senato (40%), pensano ad azioni di protesta (35%), ma una quota non trascurabile accarezza l'ipotesi indipendentista (16%). Vediamo, infine, gli orientamenti dei sostenitori di Pd e M5s, i principali azionisti del Governo giallorosso. La maggioranza di chi voterebbe per il partito di Zingaretti pensa sia meglio insistere sulla via parlamentare (51%), ma una componente importante (32%) è tentata di gettare la spugna, mentre gli elettori della formazione guidata da Di Maio si dividono tra chi sarebbe disponibile a lasciar cadere la questione e non fare nulla (44%) e chi insiste affinché si continui a sostenere l'autonomia in Parlamento (41%).

Lunedì, a Palazzo Balbi, si è tenuto il primo incontro tra il neo-ministro per gli Affari Regionali Boccia e il Governatore Zaia, concluso con la consegna della bozza d'intesa predisposta dal Veneto. La risposta del Governo arriverà tra 40 giorni, ma toni e modi del confronto fanno pensare che la partita sarà ancora lunga e complessa.




NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 9 e il 14 settembre 2019 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1006 persone (rifiuti/sostituzioni: 6579), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3.09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Beatrice Bartoli ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.sondaggipoliticoelettorali.it

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240