demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Pillola abortiva, a Nord Est aumentano i favorevoli
(14 aprile 2021)
vedi »
La liberalizzazione delle droghe leggere
(7 aprile 2021)
vedi »
Cosa rimpiangiamo di prima del Covid?
(31 marzo 2021)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NORD EST CONFUSO SULLA CRISI DI GOVERNO

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
DRAGHI PIACE MOLTO (72%) MA IL 39% VORREBBE VOTARE
[di Natascia Porcellato]

Quindici giorni: dalle dimissioni di Conte al (quasi) Esecutivo Draghi sono passati solo quindici giorni in cui, però, si sono via via sbriciolate barriere apparentemente infrangibili. Due, per tutte: Salvini che annuncia all'ex Presidente della BCE un sostegno senza condizioni della Lega; il Movimento 5 Stelle che interroga i suoi sostenitori sull'appoggio a un Esecutivo a cui partecipa anche il partito di Berlusconi. Così, sembra che questa crisi stia ridisegnando, insieme al perimetro governativo, anche i rapporti tra gli schieramenti e all'interno degli stessi partiti.

Ma quale soluzione appare preferibile? Guardando ai dati dell'Osservatorio sul Nord Est di Demos, non emerge una risposta prevalente: il 39% vorrebbe andare al voto, il 28% preferirebbe un Governo dalla maggioranza ristretta, ma coesa, e il 29% auspica un Esecutivo di Unità Nazionale. Quest'ultima ipotesi attrae soprattutto i sostenitori di Pd (55%) e Forza Italia (39%), oltre a chi si riconosce nei partiti minori (47%), mentre il favore si assottiglia tra gli elettori del M5s (27%) e, in misura ancora più marcata, di FdI (14%) e della Lega (10%).

Tuttavia, anche se questa strada non sembra essere la prediletta, meno dubbi emergono verso l'uomo chiamato da Mattarella a tentarla: Mario Draghi. Oggi, infatti, i giudizi positivi sull'ex Presidente della Banca d'Italia raggiungono il 72% nel Nord Est, un valore assimilabile a quello nazionale (71%). Diverso, invece, il trattamento riservato al Presidente dimissionato, Giuseppe Conte. Se in Italia il consenso verso di lui si attesta al 65%, in Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Trento la stessa stima si ferma al 52%. Un consenso maggioritario, dunque, ma dal doppio segno negativo: -13, rispetto al suo risultato nazionale; e - 20, rispetto a Draghi, nel Nord Est.
D'altra parte, il giudizio sull'ex Premier divide gli elettorati: tra i sostenitori di Pd e M5s l'apprezzamento arriva al 93%; si attesta intorno al 70% tra coloro che guardano ai partiti minori e raggiunge il 63% tra gli incerti. Severi, invece, i giudizi riservatigli dai sostenitori dei partiti di centrodestra, all'opposizione negli ultimi 18 mesi: Conte ottiene la sufficienza dal 40% degli elettori di Forza Italia, dal 26% di quelli di FdI e dal 18% dei leghisti.

Il Presidente Incaricato Draghi, invece, mostra un consenso diverso, ampio e trasversale (con una eccezione). Infatti, i giudizi positivi su di lui: raggiungono il 96% tra gli elettori del Pd e l'84% tra chi guarda ai partiti minori (che, d'altra parte, sono i settori più propensi ad un Esecutivo che includa tutti, o quasi); si attestano al 60% tra quelli di Forza Italia e al 64% tra i reticenti (anche loro: piuttosto attratti da questa idea); oscillano intorno al 73-74% persino tra i sostenitori di Lega e FdI, senza dubbio i più sospettosi rispetto all'ipotesi del Governo di Unità Nazionale. L'eccezione, rilevante, è targata 5 Stelle: la diffidenza dei grillini verso la strada indicata dal Quirinale è accompagnata infatti a una riserva di fiducia verso Draghi ferma al 47%.
Cosa accadrà davvero lo scopriremo nei prossimi giorni: ma è lecito attendersi che, dopo, nulla sarà più come prima.



NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 3 e il 6 febbraio 2021 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1007 persone (rifiuti/sostituzioni: 4115), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Sara Garbin ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.sondaggipoliticoelettorali.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240