demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Gli adulti si preoccupano meno di un tempo del futuro dei giovani
(24 maggio 2023)
vedi »
Nel Nord Est il dialetto ancora vivo
(10 maggio 2023)
vedi »
Nord Est e lavoro
(3 maggio 2023)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - L'ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE GAY DIVIDE IL NORD EST

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
ADOZIONI E COPPIE GAY: NORD EST DIVISO A METÀ, MA CRESCONO I SÌ
[di Natascia Porcellato]

La legge 184 del 1983 che regola le adozioni in Italia compirà quarant'anni a maggio. La revisione che ha avuto nel 2001 non ne ha toccato l'impianto che sostanzialmente limita questa possibilità a "coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni". Ma questo riferimento stringente al vincolo matrimoniale è ancora attuale oggi?

Non molto, secondo i dati analizzati da Demos per l'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino. L'opinione pubblica dell'area, infatti, mostra una (crescente) apertura alle adozioni da parte di "forme di famiglia" attualmente escluse dalla legge. L'83% dei nordestini è favorevole che questa possibilità sia concessa ai conviventi: rispetto al 2011, quando la medesima opinione raggiungeva il 67%, osserviamo una crescita di 16 punti percentuali. Molto larga (71%), inoltre, è l'apertura verso le adozioni da parte dei single, e anche in questo caso registriamo una crescita rispetto a dodici anni fa: + 13 punti percentuali.

Se per single e coppie eterosessuali conviventi sembra esistere un ampio e marcato sostegno alla possibilità di adottare dei bambini, più divisiva sembra essere l'ipotesi di consentirlo a coppie omosessuali: in questo caso, la quota di favorevoli si attesta esattamente al 50%. D'altra parte, però, se guardiamo alla serie storica, dobbiamo considerare come sia rapidamente aumentata questa componente: rispetto al 31% di dodici anni fa, il balzo in avanti è di 19 punti percentuali.

Quali settori sociali si mostrano più propensi a concedere alle coppie omosessuali di adottare dei bambini? Le donne (56%) sembrano essere più aperte a questa possibilità rispetto agli uomini (43%), mentre dal punto di vista anagrafico possiamo vedere come il favore tende a crescere tra i giovani con meno di 35 anni (78-79%) e tra le persone di età centrale (45-54 anni, 57%). Intorno alla media dell'area, invece, si fermano quanti hanno tra i 35 e i 44 anni (50%), mentre al di sotto di questa soglia troviamo adulti (37%) e anziani (31%). Guardando alla religiosità, poi, emerge che l'idea che le coppie omosessuali possano adottare dei bambini appare più difficile per quanti vanno in Chiesa assiduamente (33%), si attesta intorno alla media dell'area (49%) tra coloro che vi si recano saltuariamente, mentre raggiunge il 62% tra i non praticanti. Consideriamo, inoltre, la dimensione urbana: l'idea che le coppie omosessuali possano adottare dei bambini appare più popolare tra quanti vivono nei centro più grandi (59%) piuttosto che in quelli medi o piccoli (47-48%), mentre dal punto di vista dell'istruzione emerge una maggiore propensione tra quanti sono in possesso di un diploma o una laurea (65%) piuttosto che tra coloro che hanno conseguito una licenza media (45%) o elementare (23%).

Consideriamo, infine, l'influenza della politica: qui, le divisioni ricalcano la classica contrapposizione tra destra e sinistra. Così, vediamo che l'idea che le coppie omosessuali possano adottare dei bambini appare più popolare tra gli elettori di Pd (74%), M5s (76%) e Azione-IV (70%), insieme a chi guarda ai partiti minori (71%), mentre più scettici appaiono i sostenitori di Forza Italia (23%), FdI (27%) e Lega (35%).



NOTA INFORMATIVA
L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto tra il 3 e il 10 marzo 2023 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI, CAWI da Demetra. Il campione, di 1.006 persone (rifiuti/sostituzioni: 4.411), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 18 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per provincia (distinguendo tra comuni capoluogo e non), sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,09% con CAWI) ed è stato ponderato, oltre che per le variabili di campionamento, in base al titolo di studio.
I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100. I dati fino a febbraio 2019 fanno riferimento ad una popolazione di 15 anni e più.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione della rilevazione effettuata da Demetra.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240