demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
Le mappe di Ilvo Diamanti
Speciale Elezioni 2014
Speciale Elezioni 2013
Speciale Elezioni 2010
Speciale Elezioni 2009
Speciale Elezioni 2008
In Veneto cresce il consenso di Zaia
(21 novembre 2018)
vedi »
La legge di Bilancio e l'Europa
(14 novembre 2018)
vedi »
Nord Est favorevole alla scuola pubblica
(7 novembre 2018)
vedi »
Atlante Politico - novembre 2018 - il Governo gialloverde e la legge di bilancio
(2 novembre 2018)
vedi »
SPECIALE ELEZIONI 2008 - L'ITALIA A COLORI

Coordinate e geografia del voto politico e amministrativo 2008, attraverso le analisi post-elettorali condotte da Demos & Pi.
ANALISI CARTOGRAFICA DEL VOTO 2008

Il rapporto con la dimensione territoriale ha sempre costituito una chiave interpretativa di cruciale importanza, nella spiegazione delle dinamiche elettorali italiane. Il terremoto politico che ha attraversato il Paese all'inizio degli anni Novanta ha messo solo parzialmente in discussione la forza di questa relazione. La profonda ri-definizione del paesaggio politico e partitico e il sostanziale passaggio da una "democrazia dei partiti" ad una "democrazia del pubblico", infatti, non hanno fatto venire meno il nesso tra comportamento di voto e territorio. La geografia elettorale della Seconda Repubblica ha continuato a suggerire, attraverso i diversi appuntamenti di voto, elementi di forte continuità, proponendo dei pattern che, in alcuni casi, richiamano schemi che hanno contraddistinto l'intera storia repubblicana.
Le elezioni Politiche del 2008 hanno rappresentato un nuovo, esplicito momento di cesura rispetto al passato, secondo alcuni osservatori il passaggio ad una possibile Terza Repubblica. La competizione ha tenuto a battesimo soggetti politici del tutto nuovi, sigle e simboli del tutto inediti hanno fatto la propria comparsa sulla scheda elettorale: le due formazioni che hanno raccolto il maggior numero di voti, in particolare, erano al debutto assoluto. Soprattutto, l'esito delle consultazioni ha determinato una profonda semplificazione del quadro politico, e una forte riduzione dei partiti rappresentati in Parlamento.
Che impatto hanno avuto queste trasformazioni sull'impianto territoriale del voto? In che misura, dietro la geografia elettorale del 2008, è possibile scorgere indizi di novità e in che misura, all'opposto, la distribuzione del voto ai principali partiti e cartelli elettorali riproduce schemi e configurazioni già note in precedenza? Fino a che punto la nascita di nuove liste, determinate dalla fusione di soggetti politici già presenti sulla scena politica, ha contribuito a ridefinire l'originaria dislocazione territoriale degli elettorati di partenza?
In questa sezione del sito, Demos fornisce alcuni primi spunti di riflessione per l'analisi ecologica del voto, attraverso una rassegna di elaborazioni cartografiche "di base" sul risultato delle consultazioni Politiche 2008. I dati sono organizzati per singolo partito e per coalizione, seguendo l'attuale configurazione dell'offerta politica, ma anche andando a ricostruire le due grandi aree di centro-destra e centro-sinistra che, con diverse geometrie, hanno caratterizzato la vita politica dal 1994 in poi. Si tratta, precisiamo, di materiali ancora grezzi che Demos mette a disposizione della comunità scientifica e degli analisti politici, al fine di favorire il dibattito su questi temi e fornire le fondamenta per successive e più dettagliate analisi.
Il materiale cartografico proposto in queste pagine ricorre, perlopiù, alla dimensione provinciale. E' stata considerata l'attuale ripartizione amministrativa a 110 province, escludendo però dall'analisi Aosta e Bolzano, data la loro specificità politico-elettorale. Le mappe relative alle zone di forza dei partiti, o aggregati partitici, utilizzano in larga misura la classificazione definita dai quartili. Le unità territoriali, in altre parole, sono state suddivise in quattro fasce, di uguale numerosità (27 province ciascuna), in base ai valori della variabile di volta in volta presa in esame. Per ciascuna forza politica, viene proposta sia la distribuzione territoriale nel voto 2008, sia le differenze in punti percentuali rispetto al risultato del 2006.
NUMERI E COORDINATE DEL VOTO 2008
[di Fabio Bordignon]

L'AREA DI CENTRO-DESTRA
[di Natascia Porcellato]

L'AREA DI CENTRO-SINISTRA
[di Paola Bolzonello]

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240