demos & PI
contatti area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
Nord Est: Il lavoro autonomo ora meno appetito di quello dipendente
(28 febbraio 2024)
vedi »
Nord Est e ludopatie
(21 febbraio 2024)
vedi »
Osservatorio sul Nord Est: la vita di coppia non pi un must
(14 febbraio 2024)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - IL NORD EST E LA PAURA DI INTERNET

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
PAURA DI INTERNET A NORD EST. UNO SU TRE NON È MAI COLLEGATO
[di Natascia Porcellato]

In fin dei conti, oggi bastano pochi click. Acquistare biglietti aerei e fare un bonifico bancario; stipulare assicurazioni e comprare un vestito: (quasi) tutto possibile dal proprio computer (o tablet, o smartphone). Basta avere lei: la connessione Internet. L'Osservatorio sul Nord Est, curato da Demos per Il Gazzettino, si occupa oggi della diffusione di Internet in Veneto, Friuli-Venezia Giulia e nella provincia di Trento, e si focalizza in particolare sul suo uso per operazioni bancarie o acquisti. Il 43% degli intervistati si serve della rete tutti i giorni, mentre il 22% la frequenta più occasionalmente; poco più di uno su tre (35%), invece, non utilizza Internet. Il 21% dei nordestini acquista prodotti o servizi in rete, mentre le operazioni bancarie on-line sono utilizzate dal 24%.

Dall'informazione alle amicizie; dagli acquisti alla ricerca di lavoro: ormai ogni piega della società passa (sempre più) dall'uso di Internet. All'aumento della diffusione della rete, infatti, è seguita anche una moltiplicazione dei suoi utilizzi. Per fare un esempio, il fatturato derivante dall'e-commerce in Italia è passato da poco più di 1 milione e 600mila euro del 2004 a sfiorare i 19 milioni nel 2011 (rapporto Casaleggio Associati-Adobe Systems, 2012). Segno inequivocabile che, ormai, una parte consistente della popolazione integra i propri acquisti "tradizionali" con quelli "virtuali".

In che misura questa "rivoluzione" ha toccato anche il Nord Est? Molto, secondo i dati presentati oggi. Innanzitutto, la diffusione della connessione: nel 2000, l'83% degli intervistati non era internauta, mentre oggi la quota si riduce al 35%. La crescita di quanti frequentano la rete, però, non si è tradotta in un uso sporadico, ma si è affermata come strumento quotidiano. Infatti, nello stesso periodo di tempo, coloro che utilizzano Internet occasionalmente sono saliti dal 13 al 22%, mentre quanti si connettono quotidianamente sono aumentati di oltre 10 volte, passando dal 4 al 43%.
Quanto è diffusa la pratica di usare Internet per fare operazioni bancarie o acquisti nel Nord Est? Oggi, è circa il 24% della popolazione ad utilizzare servizi di Home Banking, mentre l'acquisto di prodotti o servizi interessa il 21%. Rispetto al 2005, assistiamo ad un deciso aumento: sette anni fa, infatti, era una fascia di popolazione molto più contenuta (compresa tra il 6-7%) ad effettuare questo tipo di operazioni. È sicuro utilizzare l'Home Banking o fare acquisti con la propria carta di credito in rete? Usare Internet per i servizi bancari viene giudicato privo di rischi dal 35% della popolazione; l'idea di inserire i dati della propria carta di credito in rete, invece, è considerata sicura un nordestino su quattro, e quindi solleva qualche perplessità in più.

Concentriamo la nostra attenzione sulla sezione di popolazione maggiormente attiva su Internet, gli internauti quotidiani. Il profilo socio-demografico mostra come siano in misura maggiore uomini, di età giovane e adulta (fino ai 44 anni), in possesso di un alto livello di istruzione, impiegati come liberi professionisti, tecnici, imprenditori e studenti.

Gli internauti quotidiani, rispetto alla popolazione nel suo complesso, mostrano una maggiore propensione ad effettuare operazioni bancarie on-line (47%) e acquistare prodotti o servizi su Internet (44%). Tra quanti navigano tutti i giorni in rete, poi, appare piuttosto ampia la fiducia nelle procedure di sicurezza che tutelano l'Home Banking (63%) o l'uso della carta di credito (47%) su Internet.

NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 31 maggio-4 giugno 2012 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI (Computer Assisted Telephone Interviewing) da Demetra. Il campione, di 1008 persone (rifiuti/sostituzioni: 3615), è statisticamente rappresentativo della popolazione, con 15 anni e più, in possesso di telefono fisso, residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore 3,08%). I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Fabio Turato, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Mauro Vullo ha svolto la supervisione dell'indagine CATI. Lorenzo Bernardi ha fornito consulenza sugli aspetti metodologici. L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.
Documento completo su www.agcom.it.
home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240