demos & PI
contatti newsletter area riservata
RAPPORTO GLI ITALIANI E LO STATO OSSERVATORIO CAPITALE SOCIALE IL MONDO A NORDEST MONITOR ITALIA LE INDAGINI EUROPEE
ULTIME EDIZIONI OSSERVATORIO SUL NORDEST
A Nord Est ancora bassa la percezione di presenza della mafia
(13 dicembre 2017)
vedi »
Il Veneto e la richiesta di autonomia
(5 dicembre 2017)
vedi »
Nord Est: i femminicidi e l'enfasi dei mass media
(29 novembre 2017)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULLA SOCIETÀ VICENTINA
X Rapporto Demos & Pi per Associazione Industriali Provincia di Vicenza
(21 luglio 2011 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI RAPPORTO SULL'ALTO VICENTINO
Rapporto 2005
(giugno 2005 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2004
(gennaio 2004 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2002
(giugno 2002 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI IL CIVISMO NEL NORDEST
Rapporto 2007
(gennaio 2007 - file pdf)
vedi »
Rapporto 2005
(gennaio 2005 - file pdf)
vedi »
ULTIME EDIZIONI ALTRE RICERCHE
Regionali 2015 - le stime di voto per il Veneto
(15 maggio 2015)
vedi »
Il Veneto e la lega
(9 marzo 2015)
vedi »
I veneti e l'informazione
(18 dicembre 2009)
vedi »
OSSERVATORIO SUL NORD EST - NEL NORD EST CRESCE IL CONSENSO ALL'EUTANASIA

Svolto su incarico de Il Gazzettino, che ne ospita anche la pubblicazione settimanale, rileva gli atteggiamenti politici e culturali di Veneto, Friuli-Venezia Giulia e della provincia di Trento.
EUTANASIA NON PIÙ TABÙ: FAVOREVOLI TRE SU QUATTRO
[di Natascia Porcellato]

Un largo sostegno all'eutanasia: questo è quanto emerge dai dati elaborati da Demos e presentati oggi all'interno dell'Osservatorio sul Nord Est del Gazzettino. "Quando una persona ha una malattia incurabile, e vive con gravi sofferenze fisiche, è giusto che i medici possano aiutarla a morire se il paziente lo richiede": poco meno di tre nordestini su quattro (73%) si dichiarano moltissimo o molto d'accordo con questa opinione.

Il sostegno, oltre che vasto, nel corso del tempo è cresciuto e si è consolidato. Negli ultimi 12 anni, infatti, abbiamo assistito ad un aumento costante della popolarità di questa opinione. Nel 2002, era il 56% a sostenere la legittimità di interrompere la propria vita in caso di mali incurabili e gravi sofferenze. Cinque anni più tardi, il valore era salito al 67% e nel 2012 si era assestato al 69%. Oggi, constatiamo una ulteriore crescita di circa 4 punti percentuali che porta l'accordo verso la "dolce morte" a interessare il 73% dei rispondenti.

Dell'argomento si è molto parlato nei giorni scorsi dato il messaggio inviato da Papa Francesco al meeting della World Medical Association sulle questioni del "fine-vita". Bergoglio, pur non cambiando la posizione ufficiale della Chiesa, da sempre fortemente contraria all'eutanasia, introduce però il tema della difesa della dignità umana e scrive nero su bianco che "evitare l'accanimento terapeutico non è eutanasia". Parole importanti che rimettono al centro la volontà del paziente e gli restituiscono la piena legittimità a decidere del proprio modo di vivere e di morire.

Se analizziamo l'influenza della pratica religiosa, osserviamo che tra coloro che non si recano mai in Chiesa è presente il sostegno maggiore alla "dolce morte" (88%). Anche tra quanti vanno a Messa saltuariamente il supporto appare molto ampio (79%), ma il dato più interessante riguarda quanti frequentano i riti religiosi più assiduamente: tra di loro, infatti, l'accordo verso l'eutanasia raggiunge il 50%.

Infine, consideriamo la variabile politica. In questo caso, il dato che emerge con maggiore forza è la trasversalità del sostegno all'opinione proposta nei diversi elettorati. Un sostegno superiore alla media proviene da quanti sono vicini ai Democratici e Progressisti (85%), alla Lega Nord e al Movimento 5 Stelle (entrambi 78%), oltre a quanti orienterebbero il proprio voto verso i partiti minori (81%). Sostanzialmente in linea con il valore medio, invece, sembrano essere le posizioni espresse dagli elettori di Fratelli d'Italia (76%) e del Partito Democratico (72%). Un po' meno ampio, ma comunque largamente al di sopra della soglia della maggioranza assoluta, sembra essere il sostegno all'eutanasia presente tra quanti voterebbero per Forza Italia (65%) o tra coloro che si rifugiano nell'area grigia dell'incertezza e della reticenza (69%).


NOTA INFORMATIVA

L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 13-16 novembre 2017 e le interviste sono state realizzate con tecnica CATI e CAWI da Demetra. Il campione, di 1062 persone (rifiuti/sostituzioni: 5927), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 15 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d'età (margine massimo di errore: 3.08% con CAWI) ed è stato ponderato in base alle variabili socio-demografiche. I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all'unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l'analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione dell'indagine CATI-CAMI-CAWI.
L'Osservatorio sul Nord Est è diretto da Ilvo Diamanti.

Documento completo su www.agcom.it.

home  |  obiettivi  |  organizzazione  |  approfondimenti  |  rete demos & PI  |  partner  |  privacy step srl  ::  p. iva 02340540240